Rosarno è un caso nazionale che va affrontato con un impegno straordinario

Rosarno è un caso nazionale che va affrontato con un impegno straordinario

“La Uila è d’accordo con la proposta di una etichettatura etica dei prodotti agricoli, avanzata dal ministro Zaia e sostenuta anche dalla Coldiretti, a patto che sia il punto di arrivo
di un percorso condiviso tra governo e parti sociali su come affrontare il lavoro nero in agricoltura in generale e più specificatamente il problema dei lavoratori migranti impegnati nel
settore. In particolare è urgente dare gambe all’avviso comune sottoscritto dalle parti sociali proprio su questo tema”. È quanto ha dichiarato oggi il segretario generale della
Uila-Uil Stefano Mantegazza.

 

“Rosarno è una delle tante aree del nostro paese nelle quali stazionano migliaia di lavoratori migranti, in parte regolari e in parte clandestini. Questo problema va quindi affrontato
con soluzioni utili per Rosarno e per tutto il paese” ha proseguito Mantegazza “serve un impegno straordinario delle forze dell’ordine per recidere i legami con la malavita organizzata e un
impegno straordinario da parte di sindacati, imprese e governo per definire condizioni di lavoro civili e che consentano la corresponsione certa di una retribuzione e una contribuzione
regolare. Il sindacato deve essere disponibile a trovare a livello contrattuale soluzioni adeguate, il sistema delle imprese e il governo devono mettere sul tavolo altrettanta
disponibilità”.

Leggi Anche
Scrivi un commento