Roma: tassista senza resto, corsa gratis del cliente

Roma: tassista senza resto, corsa gratis del cliente

Il giorno 12/dic/09, alle ore 19:25, Antonio Percario ha scritto:
…………… ti ringrazio per la tua presenza e per il tuo servizio.
Niente male la tua avventura in taxi, credo che ne farò un  caso”sociale”, se a te aggrada.
Antonio Percario

Giuseppe Danielli:
Sono partito da un paio di righe di ringraziamento all’amico Antonio Percario.
Ma l’opportunità di rintracciare quel taxista mi ha portato a scrivere questo articolo.

Caro Antonio, grazie per i tuoi apprezzamenti, anzi sono io che ti ringrazio per l’invito al convegno di giovedì scorso a Roma (Workshop: L’esperienza di maredellazio.it: punto di partenza
per una riflessione sulla comunicazione turistica on line degli Enti Pubblici).

https://www.newsfood.com/roma-10-dicembre-un-workshop-che-vale-piu-di-una-lezione-universitaria-per-chi-vuole-comunicare-il-turismo-oggi/

Ti ringrazio anche per l’opportunità che mi offri. Non mi dispiacerebbe rintracciare il taxista che da Lungotevere Flaminio,  alle 16,40 circa (aveva appena scaricato lì un
cliente), per non farmi perdere il treno, ha evitato il caos del traffico e mi ha portato alla stazione della metropolitana (non quella di Piazza del Popolo  ma Lepanto). Confermo quanto
già scritto nell’articolo: tassametro rotto…. ingorgo…. richiesta di 5 Euro…. restituzione della banconota da 10 Euro per mancanza di resto….
Posso solo aggiungere -per quanto mi possa ricordare- che parlava in italiano (non in romanesco), aveva un aspetto giovanile da ragazzo trentenne, capelli corti.
Confermo anche che era rattristato e rassegnato alla “giornata negativa che stava vivendo”….:-“Oggi non me ne va bene una…”
Mi piacerebbe veramente reincontrarlo, poter fare qualcosa per lui….e per tutti i taxisti onesti.

Ciao Antonio, grazie per tutto (forse questa potrebbe essere la strada per “bucare il web”: storie vere raccontate da chi le ha vissute).
Le parole contenute nelle testimonianze restano nel web come tante luci nel buio. Google, e tutti i motori di ricerca, non aspettano altro che notizie vere – da fonti accreditate- da fornire ai
navigatori del web.
E questo può creare un “effetto domino”, il passaparola telematico  che attraverso la Rete viaggia alla velocità della luce.
Come tutte le grandi scoperte o invenzioni, tanta potenza può essere usata a fin di bene o per fini meno nobili.
Io preferisco vedere Internet come un’opportunità che abbiamo a disposizione per fare squadra tra le persone di buona volontà, e sani intendimenti, che vogliano fare business in
modo corretto, mettendo in contatto la domanda e l’offerta di tutte le genti.

 Non si può pretendere di voler lasciare ai nostri figli un mondo più eco-sostenibile partendo dall’alto, da chi dovrebbe governarci.
Secondo il mio modesto parere, dobbiamo guardarci dentro e cercare di migliorarci, uno ad uno, a poco a poco. Goccia dopo goccia, distilliamo un nuovo Risorgimento dei valori.
Avanti a tutto Web!

Sono graditi commenti e informazioni, inviare  a: info@newsfood.com

Giuseppe Danielli
NEWSFOOD.com – Il 1° giornale on line eco sostenibile
NFW TV News Food Wellness Tourism

 
 

Leggi Anche
Scrivi un commento