Ristoranti storici: Il Giardino di Zagarolo, da Tancredi a Daniele delle Fratte

Ristoranti storici: Il Giardino di Zagarolo, da Tancredi a Daniele delle Fratte

Ristoranti storici: Il Giardino di Zagarolo, da Tancredi a Daniele delle Fratte

Il Giardino di Zagarolo: quel sicuro “asilo”, non solamente “d’inverno”
Un rifugio della vera cucina di identità, quella della campagna romana, quasi dimenticata o sepolta da curiose mode o tendenze contemporanee.

giardino-sala

 

Non esiste sintesi più immediata e più efficace per descrivere Il Giardino, storico ristorante di Zagarolo, dove il buon cibo e il buon bere si uniscono armoniosamente e si fondono con l’arte del buon vivere. Quasi un secolo è passato dall’avvio dell’attività, iniziata da Tancredi, eppure la famiglia Delle Fratte è ancora oggi un caposaldo e una paladina della tradizione più autentica.

 

 Dal lontano 1931 ad oggi, infatti, il ristorante rimane “vivo” e soprattutto appare “rinvigorito” grazie a Daniele, attualmente alla guida del locale, che sin da bambino aveva visto alternarsi tra i fornelli le “donne di casa”, le uniche depositarie di segreti, dettagli e di quelle ricette non scritte tramandate di generazione in generazione. Il menu è un’antologia della classica cucina locale, una sorta di album di famiglia: passerete attraverso preparazioni che suggellano l’arte appresa nel tempo, la sensibilità di decenni di esperienza empirica e la qualità della materia prima. Inizierete perdendovi tra i profumi sinceri delle fettuccine al ragù, fatte ancora rigorosamente a mano con un’antica trafila in bronzo, capace di richiamare alla mente i ricordi d’infanzia.

 

 

 

giardino-tagliatelle

 

Immancabili, poi, i piatti-bandiera de Il Giardino: il tordo matto e il pollo alla stiratrice, rivisitazione “della casa” del pollo alla diavola, schiacciato con un ferro in ghisa di inizi Novecento e cotto esclusivamente con olio extravergine di oliva.
Sembra quasi di assaporare le origini dei Delle Fratte e le radici del territorio con piatti veramente “d’antan”: 1931 le tagliatelle, 1963 il pollo, ma a rendere unica l’esperienza è la professionalità di Daniele, che ha sentito un richiamo giocoforza viscerale verso l’attività di famiglia. Entrato nel 2000 e perfezionatosi nel suo percorso di appassionato conoscitore di vino, ha fatto della cantina un sicuro approdo per qualsiasi wine lover.

 

giardino-tordo-matto

 

Tanta la passione che traspare dal suo sguardo e trasuda dalle sue parole; ammirevole il coraggio con cui è riuscito a svecchiare l’immaginario collettivo dello “sfuso” e delle “bottiglie della casa”.
Il suo segreto, la trasparenza; la sua mission, il desiderio di continuare il progetto del nonno di realizzare un locale di “sostanza”, laddove la schiettezza delle ricette rispecchiasse la genuinità d’animo e la franchezza dell’ospitalità.

 

Ed infatti, guardando tra le sale, è facile rendersi conto di quanto il desinare presso taluni locali vada oltre la mera esperienza enogastronomica e coinvolga quell’ “altro invisibile”, quella sfera dello “stare bene”, grazie al sorriso di professionali camerieri e al savoir-faire di Daniele, capace di suscitare in ogni ospite la curiosità verso nuove etichette o piatti del giorno.
Manuela Mancino
per Newsfood.com

 

Ristorante Il Giardino
Corso Vittorio Emanuele 5, 
00039 Zagarolo RM
www.ilgiardino1931.com
Tel: 06 952 4015
info@ilgiardino1931.com

Leggi Anche
Scrivi un commento