Riposto (CT): «Saporedazzurro pesca e suggestioni sulle rive dell'Etna»

 

Stanno per aprirsi le porte di «Saporedazzurro pesca e suggestioni sulle rive dell’Etna». Sabato 8 novembre, alle 18, nella tendostruttura «Officina del Mare»
sul lungomare «Edoardo – Pantano» di Riposto l’inaugurazione dell’evento in programma dall’8 al 16 novembre, presentato e curato dal giornalista Puccio
Corona.

«Saporedazzurro pesca e suggestioni sulle rive dell’Etna» coinvolgerà Riposto in una nove giorni impregnata di tradizioni e cultura. L’inscindibile legame del
borgo marinaro di Riposto con la pesca sarà il motore dell’intero evento il cui iter è stato avviato dalla precedente amministrazione attraverso un progetto
finanziato nell’ambito di un bando regionale Por 2000-2006 (misura 4.17 A) destinato alla valorizzazione della produzione ittica ripostese. Ad ereditare quel percorso
l’attuale amministrazione che ha concretizzato il progetto realizzando un’autentica «officina» delle tradizioni ripostesi. Un vero e proprio laboratorio
all’interno del quale, cultura culinaria (legata al pesce azzurro), convegni sulle biodiversità e la salvaguardia dei mari, educational tour e mostre, scopriranno
l’antico e il nuovo volto di Riposto.

L’obiettivo è puntare i riflettori sulle risorse di questo borgo che, possiede naturalmente risorse uniche e preziose. «Saporedazzurro pesca e suggestioni sulle rive
dell’Etna», è un contenitore che sta per aprirsi e dal quale usciranno gli odori e i sapori di questo paese che deve la sua forza e il suo potenziale turistico al mare,
strumento trainante dell’economia locale. E sarà proprio la pesca e la cultura legata alla pesca a fare da tema e da sfondo a questa manifestazione che accoglierà
ospiti del calibro di Folco Quilici, Gianluca Genoni, primatista mondiale apnea, Nicola Riolo, campione italiano in carica di pesca subacquea, Francesco Alliata, storico pioniere della
cinematografia subacquea, Sebastiano Messina, giornalista del quotidiano La Repubblica. Personaggi rappresentativi che completano il quadro di un progetto sicuramente innovativo per la
promozione del territorio.

Tra i momenti più attesi della seconda giornata, domenica 9 novembre, la serata dedicata a Folco Quilici. Durante questo appuntamento sarà proiettato il film
«Racconti in prima persona», che ripercorrerà in 58 minuti esperienze e avventure nei mari del mondo. Moderatore dell’incontro, al quale prenderanno parte,
oltre a Folco Quilici, anche Puccio Corona e Tino Vittorio, il giornalista de «La Repubblica», Sebastiano Messina. Il noto documentarista cinematografico e televisivo
incontrerà lunedì 10 gli studenti delle scuole ripostesi. Riflettori puntati anche sulla tavola rotonda «Dal porto turistico e peschereccio al porto
crocieristico» in programma giovedì 13 novembre. Ma il programma di Saporedazzurro si snoda attraverso convegni quotidiani, mostre, rassegne enogastronomiche, come
l’Enofish con la quale si andrà alla scoperta delle specialità ittiche dello Jonio.

Tra gli appuntamenti anche un educational tour tra le cantine dell’Etna alla scoperta degli odori e sapori del territorio. Un viaggio, programmato sabato 15, a bordo di una
caratteristica carrozza risalente al 1937 messa a disposizione dalla Ferrovia Circumetnea. Il giorno successivo, domenica 16, anche un Tour per Mare: gli ospiti vivranno le fasi
salienti di una mattina a pesca condividendo con i pescatori ripostesi il loro bagaglio di esperienza e una cultura antica.

E poi musica e arte con Luigi Di Pino, il cantastorie di Sicilia, e con Tony Esposito.

Dall’8 al 16, la tendostruttura ospiterà un evento diverso ogni giorno e ogni giorno dalla tendostruttura si sprigioneranno gli odori della rassegna enogastronomia curata
dalla scuola alberghiera «Falcone» di Giarre e dall’associazione italiana sommelier.

«Il motivo per cui siamo così entusiasti di questo evento è semplice: Saporedazzuro metterà in vetrina i tesori di questo borgo marinaro dalle tradizioni
antiche, quelle tradizioni che oggi costituiscono una forza unica e rara. Il legame così forte con la pesca rende Riposto un paesaggio tanto affascinante quanto raro. Con
Saporedazzurro, questo paesaggio, con tutti i suoi odori e sapori, si metterà in mostra» – ha spiegato il sindaco di Riposto, Carmelo Spitaleri .

«Siamo convinti che Saporedazzurro possa diventare un evento strategico per la nostra città – ha spiegato l’assessore comunale al Turismo, Claudia D’Aita – Il
nostro obiettivo è lanciare Riposto in un percorso di crescita nella concreta prospettiva di uno sviluppo turistico, coscienti come siamo che Riposto possegga tutti i requisiti
per diventare un’autentica forza attrattiva».

«Saporedazzurro ci permetterà di puntare i riflettori sui protagonisti silenziosi del connubio che sa sempre lega Riposto al mare: i pescatori. Sono loro, i nostri uomini
di mare, gli artisti-artigiani, depositari d’un sapere antichissimo, a tenere in vita uno dei principali tratti dell’identità culturale ripostese. Grazie a
Saporedazzurro avremo modo di conoscerli da vicino, di indagarne il mondo e i ritmi di vita, perché attraverso la conoscenza si possa giunga alla tutela d’un patrimonio di
vitale importanza per Riposto» – ha spiegato l’assessore comunale al Mare, Domenico Di Martino.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento