Rimini: Italia e Francia insieme per la formazione

 

Sarà Rimini ad ospitare venerdì 17 ottobre la cerimonia internazionale di consegna dei diplomi della X edizione dell’Horeca Distech, il prestigioso master
proposto in Italia da Università di Parma in collaborazione con Italgrob e le maggiori aziende italiane del settore delle bevande.

Proprio la struttura di Rimini Fiera – già sede di Pianeta Birra, il più importante evento fieristico europeo per il settore del beverage – farà
quest’anno da sfondo ai festeggiamenti per il decimo anniversario di questo corso e alla cerimonia di diploma dei 50 studenti italiani e francesi che hanno preso parte
all’edizione 2007/2008.

Non si tratterà però solo di un evento di festa, ma di una vero e proprio momento di confronto tra università, aziende produttrici, distributori e soprattutto
giovani di due importanti Paesi UE come Italia e Francia; un’occasione per riflettere ancora una volta sul futuro di un settore storico come quello della distribuzione di bevande,
chiamato oggi ad affrontare la crisi dei consumi che affligge tutta l’Europa, e sull’importanza del legame e della cooperazione tra scuola e mondo del lavoro per la
formazione dei dirigenti del futuro.

Da dieci anni infatti l’Horeca Distech è l’unico master di riferimento per il settore delle bevande ed ha contribuito alla formazione di oltre 200 giovani imprenditori,
manager e tecnici ad alto profilo, fortemente specializzati, in grado di inserirsi immediatamente nelle funzioni trade, marketing e vendite delle maggiori aziende italiane della
distribuzione e produzione beverage.

Nato da un’idea di Italgrob e AFDB – Associazione per la Formazione nella Distribuzione Beverage – di cui fanno parte marchi prestigiosi come Campari, Heineken, Sanpellegrino, San
Benedetto, Pepsico, Peroni, Ferrarelle, Biscaldi, Gruppo Italiano Vini, Pago, Iri Infoscan e ConserveItalia – l’Horeca Distech, punta innanzitutto al ringiovanimento delle risorse
manageriali nel settore della distribuzione di bevande. Una realtà particolarmente significativa in Italia, fatta di oltre 2.000 aziende di piccole medie dimensioni, fortemente
radicate sul territorio nazionale, in grado di dare lavoro ad oltre 20.000 persone, che ogni giorno servono gli oltre 170.000 locali pubblici presenti in Italia.

«Il nostro settore ha continuamente bisogno di nuovi talenti – sottolinea Giuseppe Cuzziol, presidente Italgrob-e i risultati ottenuti in questi anni con il Distech non possono
che renderci orgogliosi e farci ben sperare per il futuro. E’ un fatto straordinario che da ben dieci anni due soggetti spesso in conflitto come produttori e distributori, e
soprattutto tante aziende tra loro concorrenti, abbiano saputo mettere da parte ogni conflitto lavorando in piena sinergia tra loro e con il mondo universitario al servizio della
formazione dei più giovani».

Proprio grazie a questo strettissimo legame con il mondo delle imprese, che finanziano direttamente ed interamente il corso, il Distech si distingue da ogni altra offerta formativa
attualmente presente in Italia. Dà realmente l’opportunità di «imparare una professione», mettendo a disposizione degli studenti gli strumenti per
diventare un buon imprenditore nella distribuzione. Dalle conoscenze relative al settore e alla filiera, al mercato, alle tendenze, agli attori aziendali e ai loro bisogni, alle logiche
più evolute di gestione di tutte le funzioni aziendali, fino alle conoscenze merceologiche sui prodotti, ma soprattutto offre la possibilità di entrare in un network di
persone costituito da tutti i principali attori del settore: dai responsabili di aziende leader nel settore, ai direttori dei consorzi, ai principali concorrenti, a tutti i manager
delle aziende industriali, ai referenti di Italgrob, ai futuri e attuali colleghi di lavoro.

La proposta formativa, promossa dalla Facoltà di Economia dell’Università di Parma, si avvale inoltre del supporto accademico dell’Institut Commercial de Nancy
– il primo istituto universitario al mondo ad aver introdotto il Distech – garantendo così la possibilità di un continuo confronto a livello internazionale.

La cerimonia di premiazione del 17 ottobre avrà inizio alle ore 10.30 circa con il saluto del Comm. Renzo Cagnoni presidente di Rimini Fiera SpA, cui seguiranno gli interventi
dei direttori scientifici di Uni Parma e Nancy 2, Davide Pellegrini e Jacky Kohel, e di due rappresentanti industriali che si confronteranno sul tema della formazione e
dell’accesso al lavoro da parte dei giovani.

Nel corso della cerimonia verrà inoltre assegnato allo studente con la migliore valutazione finale il Premio Patrizia Mugellini, un riconoscimento in denaro –
dell’ammontare di 3000 euro – alla memoria della ex studentessa del corso Horeca Distech, prematuramente scomparsa.

Consegna ufficiale anche per il premio per il miglior progetto elaborato nel corso del periodo di stage in aziende della distribuzione, già assegnato nel luglio scorso alla
ventitreenne reatina Michela Santini: una borsa di studio del valore di 2.500 euro offerta dal consorzio San Geminiano – tra i più importanti gruppi indipendenti di
distributori di bevande in Italia – in ricordo di Ermanno Stefani, lungimirante imprenditore modenese scomparso a fine 2006.

Programma della cerimonia

Ore 10,00 Arrivo dei partecipanti a Riminifiera (INGRESSO SUD) – Caffè & bevande.

Ore 10,30 Benvenuto del Comm. Renzo Cagnoni presidente di SpA Fiera

Ore 10,45 «Parrainage» – Intervento dei direttori scientifici di Uni Parma e Nancy 2 e di due rappresentanti industriali

A seguire assegnazione dei premi in memoria di Patrizia Mugellini ed Ermanno Stefani.
A seguire assegnazione delle borse di studio di supporto AFDB

Ore 13,00 Aperitivo offerto dal Presidente della Fiera

 

Leggi Anche
Scrivi un commento