Rifiuti elettrici ed elettronici: Parte il ritiro gratuito

Rifiuti elettrici ed elettronici: Parte il ritiro gratuito

Firenze – Novita’ rilevanti da oggi 18 giugno  per chi acquista una nuova apparecchiatura elettrica od elettronica, ovvero un nuovo elettrodomestico, computer, telefonino,
videocamera, lampada, trapano, macchina da cucire, etc.

Se all’acquisto del nuovo corrisponde la dismissione di un vecchio apparecchio analogo, che abbia le stesse funzioni anche se di marca diversa, il ritiro e l’avvio al percorso di riciclo e’ a
carico del venditore, che deve provvedervi in modo gratuito, direttamente o tramite terzi.

Tale obbligo e’ detto “uno contro uno”, perche’ e’ una sorta di scambio. Il venditore infatti ritira un apparecchio vecchio per ogni apparecchio nuovo dello stesso tipo. Sui venditori grava anche
obbligo di informare i propri clienti di questa possibilita’ precisando la gratuita’ del ritiro dell’usato.

Il ritiro dovra’ essere effettuato gratuitamente al domicilio del consumatore. Ovviamente sara’ bene evitare di pretenderlo per telefonini o piccoli apparecchi che possono essere comodamente
portati in negozio dal consumatore al momento dell’acquisto del nuovo..

Vediamo la fregatura di una norma che, a nostro avviso, cosi’ com’e’, alla fin fine grava economicamente solo sul consumatore.

Prima di tutto e’ bene sapere che sono gia’ due anni che, acquistando un prodotto, stiamo pagando al produttore un contributo Raee anche se il sistema di ritiro gratuito da parte del venditore
non era ancora funzionante.
Inoltre il ritiro dell’elettrodomestico avviene al domicilio del consumatore, gratuitamente e a carico del venditore.

Quest’ultimo su chi fara’ gravare questo costo aggiuntivo? Non solo, ma su chi il venditore fara’ gravare il costo aggiuntivo dei vari adempimenti che sempre lui dovra’ seguire per poi inoltrare
l’elettrodomestico nei centri di raccolta di questi rifiuti?

Non crediamo di essere eccessivi nel pensare che il prezzo al dettaglio dell’elettrodomestico ne subira’ le conseguenze verso l’alto. Non solo, ma, considerata l’abituale “filosofia” dei
commercianti in frangenti di propri costi che lievitano, sara’ un aumento che non solo riguardera’ anche il consumatore che acquista senza riciclare, ma di un livello piu’ alto rispetto ai nuovi
costi che graveranno sul venditore.

Fatta la legge, trovato l’inganno!!

Qui una nostra scheda pratica con tutti i dettagli:
rifiuti apparecchi elettrici elettronici_17633.php

Aduc.it
Redazione Newsfood.com+WebTV

Leggi Anche
Scrivi un commento