Pubblicato il documento di revisione delle “Linee Guida Nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva”

Pubblicato il documento di revisione delle “Linee Guida Nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva”

Milano – A cura del Ministero della Salute è stato pubblicato il documento di revisione delle “Linee Guida Nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva”. Il lavoro di revisione è stato realizzato da un gruppo di esperti coordinato dalla prof. Laura Strohmenger, del Centro di Collaborazione OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per l’Epidemiologia e l’Odontoiatria di Comunità. Il lavoro si è reso necessario a seguito della pubblicazione di lavori scientifici internazionali, che hanno portato alla riformulazione di nuove raccomandazioni in tema di prevenzione di carie e gengiviti.

Il documento rappresenta un atto di indirizzo particolarmente importante per tutti coloro che si occupano della salute del cavo orale dei bambini, pediatri e genitori, in considerazione della centralità di tali figure nella gestione sanitaria dell’individuo in età evolutiva.

Professoressa Laura Strohmenger, come commenta questa nuova pubblicazione?

Chewing gum senza zucchero con xilitolo

Chewing gum senza zucchero con xilitolo

“La carie è una delle malattie croniche più diffuse in tutto il mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sollecita, quindi, la realizzazione di studi epidemiologici nazionali per monitorare lo stato di salute orale in gruppi di popolazione specifici suddivisi per età.

A questo proposito i nostri dati indicano che la prevalenza della carie in Italia si attesta al 21,6% per gli individui di 4 anni e al 43,1% per gli individui di 12 anni.

Una tale diffusione della patologia, anche se sostanzialmente in linea con i traguardi formulati dall’OMS per il 2010, appare ragguardevole, per cui bisogna attivare ogni possibile misura preventiva, fin dall’età pediatrica, anche perché imparare come avere una bocca sana da piccoli, predispone ad una bocca sana da adulti”.

Quali raccomandazioni forniscono Le Linee Guida in merito alla prevenzione delle carie?

  1. Valutare il rischio di sviluppare lesioni cariose attraverso l’esperienza di carie, le abitudini alimentari e di igiene orale, la fluoroprofilassi e lo stato di salute generale di ciascuna persona, oltre attraverso lo stato socioeconomico.
  2. Prevenire la carie attraverso l’utilizzo del fluoro, che è necessario per tutti.
  3. Predisporre le sigillature dei solchi dei molari permanenti, per prevenire la carie delle superfici occlusali.
  4. Instituire misure preventive supplementari per gli individui a medio o alto rischio.

Oltre queste fondamentali raccomandazioni, il chewing gum senza zucchero può essere impiegato come misura aggiuntiva?

Vivident, chewing gum senza zucchero con xilitolo

Vivident, chewing gum senza zucchero con xilitolo

“L’evidenza scientifica in nostro possesso, indica oramai in maniera incontrovertibile che masticare gomme senza zucchero apporta effetti benefici sulla mineralizzazione dei denti, mediante l’innalzamento del pH della placca e la stimolazione della saliva. I benefici del chewing gum, inoltre, risultano incrementati, quando è presente anche lo xilitolo, che svolge una vera e propria attività di prevenzione della carie”.

Nelle linee guida pubblicate dal Ministero della Sanità si evidenziano “gli effetti benefici sulla salute orale della masticazione di chewing-gum (Harris et al., 2012) che includono la rimozione dei residui di cibo e della placca dalle superfici dentali, la stimolazione del flusso salivare e l’incremento del pH della saliva e della placca (Ly et al., 2008)”. La stimolazione salivare ottenuta utilizzando un chewing-gum dopo un pasto aumenta, inoltre, la concentrazione di ioni bicarbonato, causando un’elevazione del pH della placca batterica e migliorando la capacità tampone complessiva.

Particolare rilievo viene posto sullo xilitolo: “Lo xilitolo, in particolare, presenta un’importante attività cario-preventiva (AAPD, 2008-2009b; Milgrom et al., 2009a; Fitch & Keim, 2012), anche a lungo termine (Campus et al., 2012b), che viene esplicata attraverso la riduzione della concentrazione degli streptococchi del gruppo mutans e una conseguente riduzione dei livelli di acido lattico prodotti (Ly et al., 2008; Soderling, 2009; AAPD, 2008-2009b; Milgrom et al., 2009b; Campus et al., 2009b).

Come si legge nelle Linee Guida, i chewing-gum contenenti xilitolo possono quindi essere considerati dei functional foods (“cibi/alimenti funzionali”), ovvero alimenti che, grazie ad alcuni principi in essi contenuti, presentano proprietà benefiche per la salute umana (Harris et al., 2012).”

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento