Potenza: Crisi agricoltura – Incontro tra Lacorazza, Figliuolo e dirigenti della Cia

Potenza: Crisi agricoltura – Incontro tra Lacorazza, Figliuolo e dirigenti della Cia

Potenza – “Una crisi generalizzata quella che sta sconvolgendo l’agricoltura – ha detto il presidente della Confederazione Donato Distefano – anche in Basilicata: produzione crollata,
prezzi sul campo sempre più bassi e con il rischio di perdere migliaia di posti d lavoro. Un settore in ginocchio che rischia il collasso, in una regione a vocazione agricola come la
nostra in cui non si può parlare di un comparto marginale all’interno dell’economia del territorio ma di un settore primario fatto di tante aziende prevalentemente piccole e medie, che
occupano migliaia di addetti”.

 La debolezza del settore agricolo, a parere della Cia, non sta solo nella crisi economica globale, nelle difficoltà di accesso al credito ma anche nei ritardi accumulati su temi
importanti come la modernizzazione e la competitività, l’infrastrutturazione e la logistica, l’organizzazione distrettuale dell’economia agricola e, non ultimo, il piano irriguo e
l’accesso ai servizi idrici.

Nell’incontro si è anche discusso del problema dei rifiuti in agricoltura e di come individuare una strategia comune e condivisa, con tutti i soggetti interessati che permetta di gestire
in modo moderno ed efficace quella che rischierebbe di diventare una vera e propria emergenza ambientale.

Il presidente Lacorazza e l’assessore Figliuolo si sono detti attenti alle sollecitazioni che provengono dal mondo agricolo, confermando  la piena volontà di far seguire a questo
primo incontro altri momenti di discussione con veri e propri tavoli di confronto, nei quali verificare come la Provincia di Potenza possa concretamente rispondere alle istanze che vengono dal
comparto agricolo lucano. 

Lacorazza, inoltre, ha partecipato, in piazza Mario Pagano, all’appuntamento con il Mercato di Campagna Amica, una manifestazione organizzata dalla Coldiretti Basilicata per unire la
valorizzazione delle produzioni tipiche alla solidarietà. Negli stand allestiti in piazza è stato infatti possibile acquistare un sacchetto di prodotti tipici del territorio al
costo di 10 euro e devolvere la metà a Telethon sostenendo in tal modo la ricerca contro le malattie genetiche. “Si tratta – ha affermato – di un’iniziativa importante che vede
l’agricoltura lucana mettersi al servizio della solidarietà, nonostante sia afflitta dai devastanti effetti della crisi”.

 

provinciapotenza.it

Leggi Anche
Scrivi un commento