Potassio: un sale per la salute del cuore e contro l’ipertensione

Potassio: un sale per la salute del cuore e contro l’ipertensione

Il potassio può contrastare l’ipertensione, agendo in maniera naturale come difensore del cuore.

Tale parere è sostenuto da una ricerca dell’Università di Wageningen (Olanda), diretta da Linda van Mierlo e pubblicata su “Archives of Natural Medicine”.

La van Mierlo ed i suo compagni hanno quantificato il consumo di potassio di 21 Stati diversi, sia europei che non.

I risultati non sono positivi. In base ai dati, l’apporto giornaliero medio di potassio oscilla da 1,3 a 1,7 a fronte di un consumo raccomandato di 4,7 grammi. Come spiegano gli esperti, questo
è dannoso per la salute perché i sali di potassio potrebbero ridurre l’ipertensione, quanto una netta riduzione del sale da cucina (il sale “cattivo”).

Conclude infatti la van Mierlo: “Se il consumo di potassio aumentasse fino al livello consigliato, la pressione sistolica dei cittadini di questi Paesi calerebbe, con un effetto paragonabile
alla riduzione di 4 grammi al giorno di sale. Il bilancio fra introito di potassio e introito di sodio è infatti basilare nella prevenzione dell’ipertensione”.

FONTE: Linda A. J. van Mierlo; Arno Greyling; Peter L. Zock; Frans J. Kok; Johanna M. Geleijnsel, “Suboptimal Potassium Intake and Potential Impact on Population Blood Pressure”, Arch
Intern Med, Sep 2010; 170: 1501 – 1502, doi:10.1001/archinternmed.2010.284

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento