Ponte del 2 giugno, gli agriturismi battono gli alberghi

Ponte del 2 giugno, gli agriturismi battono gli alberghi

L’appena terminato ponte del due giugno dà indicazioni utili sulle preferenze dei turisti, italiani e non, al momento di lasciare casa per cercare relax.

I dati arrivano dagli esperti Coldiretti, coadiuvati da Terranostra.

Per iniziare, rispetto al 2010, è aumentato il numero dei cittadini in vacanza: + 3%.

Inoltre, questo il punto centrale, cambia il tipo di struttura preferita: cala il tradizionale albergo, aumentano bed & breakfast, i residence, i villaggi turistici e gli agriturismi. In
particolare riguardo agli agriturismi, è stimata una presenza di 375.000 persone, una crescita del 20% rispetto a 365 giorni fa.

Secondo gli studiosi, la crescita osservata è merito di misure specifiche.

Per cominciare, la tutela delle aree verdi, come parchi, oasi e campagna, in grado di unire natura e servizi. Poi, nel dettaglio, l’offerta delle strutture in questioni: punti fermi importanti
(come l’enogastronomia e l’alloggio, e bonus in grado di attirare il cliente. Tra le varie possibili specializzazioni, spiccano gli sport (dall’equitazione alla mountain bike) i centri
benessere, le attività di coinvolgimento (come i corsi di degustazioni e le attività agricole guidate) e le escursioni.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento