Pomodoro cinese: Il commento dell’assessore regionale Rabboni

Pomodoro cinese: Il commento dell’assessore regionale Rabboni

Bologna – “Appare sempre più necessario definire a livello comunitario una norma che obblighi l’indicazione dell’origine della materia prima utilizzata per garantire trasparenza
ai consumatori di derivati di pomodoro e al tempo stesso per valorizzare le produzioni di qualità”. Lo afferma l’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni in seguito
all’operazione del Nucleo Antifrodi Carabinieri di Parma che ha scoperto un’ingente frode realizzata da una ditta di lavorazione di concentrato di pomodoro della provincia di Reggio Emilia, che
utilizzava pomodoro cinese per la lavorazione del concentrato spacciandolo poi come italiano.

Ringraziando il Nucleo Antifrodi dei Carabinieri di Parma, per l’azione svolta, l’Assessore regionale auspica l’intensificazione dei controlli su tutto il territorio nazionale e comunitario per
verificare la corretta indicazione dell’origine delle produzioni.

“La Regione – conclude Rabboni – sta puntando all’attivazione di un organismo interprofessionale attraverso il riconoscimento del Distretto del pomodoro da industria, esteso a tutta l’area Nord
Italia, quale strumento per affrontare queste problematiche in maniera condivisa, con la collaborazione di tutti i soggetti della filiera produttiva”.

 

regione.emilia-romagna.it
Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento