Piera Martellozzo in Brasile fra le “Damas do Vinho”

Piera Martellozzo in Brasile fra le “Damas do Vinho”

Piera Martellozzo dal Friuli, Maria Luz Marin dal Cile e Luisa Amorin dal Portogallo.
 
Tre grandi donne del vino, ognuna con la propria personalità e il proprio carattere, che producono etichette uniche e hanno un sogno comune: divulgare la cultura del bere bene e, allo
stesso tempo, aiutare i più deboli.
 
E’ questo, in sintesi, il progetto “Damas do Vinho”, le Dame del Vino, organizzato a San Paoloin Brasile dall’importatore Vinea per raccogliere fondi destinati alla beneficenza, in collaborazione
con la Ong “Banco de Alimentos”.
 
Ognuna delle protagoniste ha infatti dedicato all’iniziativa 1500 bottiglie di uno fra i propri vini più rappresentativi: il Rosé nel caso di Piera Martellozzo, il Sauvignon Blanc
per Maria Luz Marin e il Rosso Del Douro per Luisa Amorin.
 
Queste tre bottiglie sono state poi “vestite” da una fra le più importanti stiliste brasiliane, Adriana Barra, che ha creato tre differenti etichette, tutte però con il comune
denominatore del colore e del bollino “Damas do Vinho”, distintivo dell’iniziativa.
Adriana Barra è anche l’autrice della confezione che racchiude il “tris” di vini e che verrà venduta in tutto il Brasile.
 
Il ricavato sarà devoluto per finanziare il progetto di Banco de Alimentos “Com 9 Vocë Pode” (Con 9 Tu Puoi); questo fa sì che, con il contributo di solo 9 reais (monete
brasiliane) si possano assicurare a una persona tre pasti al giorno per un mese.
 
“Chi acquisterà una confezione di vini Damas do Vinho – spiega Piera Martellozzo – potrà dunque garantire nutrimento ad una persona per un anno intero. In Brasile, si sa, moltissimi
sono in difficoltà, soprattutto bambini. Il nostro scopo è quindi duplice: da un lato, poter offrire un aiuto concreto a chi non ce la fa, dall’altro, diffondere la cultura e
l’amore per il vino”.

Leggi Anche
Scrivi un commento