Piano Casa, Legambiente: Sì al rilancio dell’edilizia di qualità e all’efficienza energetica, no alle speculazioni e al cemento selvaggio

Piano Casa, Legambiente: Sì al rilancio dell’edilizia di qualità e all’efficienza energetica, no alle speculazioni e al cemento selvaggio

“Siamo pienamente convinti che il rilancio del settore edilizio possa svolgere un ruolo fondamentale per uscire dalla crisi, ma la riqualificazione edilizia, con demolizione e ricostruzione
promossa attraverso premi in cubatura, se prevista al di fuori di piani regolatori e dei regolamenti rischia di coprire speculazioni”.

Così Legambiente si è rivolta al Presidente del Consiglio e ai Presidenti delle Regioni e province autonome, nella lettera inviata oggi per esprimere le proprie preoccupazioni
rispetto al Piano Casa in discussione al Consiglio dei Ministri di domani.

“L’innovazione energetica e la riqualificazione del patrimonio abitativo sono al centro dell’agenda dei principali Paesi europei come della nuova amministrazione americana – continua la lettera
degli ambientalisti – ma affinché si realizzino interventi di qualità mirati ad aumentare realmente il livello di efficienza energetica degli edifici abitativi, e non speculazioni
incontrollate, è necessario legare le cubature annunciate a chiari obiettivi qualitativi attraverso l’obbligo di certificazione energetica degli edifici (Direttiva Europea 2002/91) e ad
interventi utili all’integrazione delle fonti rinnovabili, cosicché tutti gli interventi siano caratterizzati dalla presenza di tetti solari”.

Per questo le Regioni dovranno definire con chiarezza le tipologie di intervento, i caratteri, le aree e le categorie escluse, per impedire che siano realizzati manufatti di scarsa
qualità che possano complessivamente degradare l’identità del paesaggio e delle città italiane. Nel contempo, bisogna valorizzare appieno la possibilità che la
riqualificazione del patrimonio edilizio possa determinare una nuova qualità del modo di progettare e costruire, facendo crescere un settore così importante per l’economia
italiana. In questa direzione occorre responsabilizzare i progettisti, mentre l’autocertificazione proposta dal Governo per il via libera deve prevedere sanzioni durissime per chi supera i
limiti fissati dalla Legge – dalla radiazione dagli albi professionali per 10 anni a procedimenti penali e amministrativi di demolizione automatici – affinché i Comuni possano verificare
quanto sta accadendo evitando il rischio che la riduzione delle sanzioni annunciata rappresenti un invito a costruire molto di più di quanto previsto.

“Siamo convinti – conclude Legambiente che domani vedrà i suoi volontari impegnati nel volantinaggio nei pressi di Palazzo Chigi (dove sono state vietate manifestazioni e sit-in), mentre
in tutta Italia verranno consegnate le lettere ai Presidenti delle Regioni – che la sfida di avere città più belle e vivibili, un territorio e un’edilizia di qualità, sia
un grande motore di crescita dell’economia. Vi chiediamo quindi di impegnarvi nel predisporre un Piano realmente efficace, capace di premiare gli interventi innovativi sbarrando la strada agli
speculatori e ai cementificatori”.

Leggi Anche
Scrivi un commento