Petrolio, Coldiretti chiede alla Regione Piemonte interventi strutturali

TORINO – «Il record fatto segnare dal gasolio rischia di produrre un effetto a valanga sull’intero sistema agroalimentare, a livello nazionale la Coldiretti ha stimato, su base
annua, un aggravio dei costi pari a cento milioni di euro, l’andamento di mercato del petrolio ha provocato un primato nell’aumento del valore del gasolio destinato alle attività
agricole.

Il caro petrolio colpisce soprattutto le attività che utilizzano il carburante per il riscaldamento delle serre di ortaggi e di fiori, nonché per l’essiccazione dei foraggi
destinati all’alimentazione. Il rincaro dovuto al prezzo del greggio mette a rischio la competitività delle imprese e va affrontato con interventi strutturali». E’ questo l’appello
che arriva dalla giunta di Coldiretti Torino che si è riunita questa mattina a Palazzo Svolta.
Riccardo Chiabrando, presidente Coldiretti Torino, spiega: «Gli effetti del caro greggio si assommano ad un rincaro generalizzato delle materie prime utilizzate come fattori di produzione
in agricoltura: mais, sementi, fertilizzanti e mangimi. Il risultato è che sono fortemente a rischio i bilanci delle imprese agricole. I danni dovuti all’alto prezzo del carburante si
innestano sulle crisi già esistenti per alcuni settori: il comparto suinicolo ha fatto registrare un 2007 nero e le prime avvisaglie per il 2008 sono altrettanto preoccupanti; il settore
dei bovini da ingrasso vede ridursi sempre più i margini di utile; il prezzo del latte, pur registrando una positiva inversione di tendenza, non è ancora adeguato al costo di
produzione che, anche in questi mesi, continua a lievitare».

Il presidente di Coldiretti Torino aggiunge: «Al tavolo regionale noi chiediamo all’assessore all’Agricoltura di farsi carico della pesante situazione che stanno vivendo le imprese
agricole. Alla Regione chiediamo risposte concrete che possano riportare sulla via della competitività il settore primario. Coldiretti Torino, con tutti i berretti gialli piemontesi, si
attende adeguati interventi strutturali. L’aumento dei prezzi delle materie prime e dei costi di produzione non può ricadere solamente sugli imprenditori. Occorre intervenire sulle
storture presenti nelle diverse filiere, rimodulando la distribuzione degli utili. Coldiretti resta mobilitata per tutelare l’intero settore: in assenza di segnali positivi, valuterà
l’opportunità di scendere in piazza per difendere e per salvaguardare il futuro delle imprese agricole».

Leggi Anche
Scrivi un commento