Pesce, scudo contro l’Alzheimer

Pesce, scudo contro l’Alzheimer

Non è una novità, ma le conferme fanno piacere. Mangiare pesce riduce il rischio di manifestare Alzheimer: merito degli omega-3 contenuti nell’alimento.

Questa la deduzione arrivata da una ricerca del Columbia University Medical Center (New York, USA), diretta dal dottor Gu e pubblicata da “Neurology”.

Il dottor Gu e la sua squadra hanno preso in esame 1200 volontari, over 65 non affetti da demenza, investigando su dieta ed abitudini di vita. In particolare, gli esperti hanno valutato i
livelli ematici di beta amiloide, proteina marker del rischio Alzheimer. Risultato, gli esami hanno evidenziato come i livelli di beta amiloide calavano al crescere dei livelli di omega-3. In
particolare, spiega il capo-ricercatore, un grammo di Omega-3 al giorno portava ad un -20/30% di beta amiloide nel sangue.

Secondo gli studiosi del Columbia, gli Omega-3 hanno un’azione positiva sul cervello, riducendo l’effetto dell’invecchiamento. Inoltre, nonostante il pesce sia valido fornitore, è
possibile puntare su altri cibi: pollo e frutta secca con guscio.

FONTE: Y. Gu, N. Schupf, S.A. Cosentino, J.A. Luchsinger, and N. Scarmeas: “Nutrient intake and plasma β-amyloid Neurology”, June 5, 2012 78:1832-1840; published ahead of print May
2, 2012

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento