Pesce: bollito, alla griglia o al forno protegge il cuore delle donne

Pesce: bollito, alla griglia o al forno protegge il cuore delle donne

Il pesce può difendere il cuore delle donne, agendo da scudo contro le malattie cardiache. Tuttavia, bisogna rispettare alcune regole, legate al numero di porzioni (almeno 5 a
settimana), alle specie scelte ed al metodo di cottura (evitare la frittura).

A mettere le cose in chiaro, una ricerca della Northwestern University (di Chicago, USA), diretta dal dottor Donald Lloyd-Jones e pubblicata su “Circulation”.

Numerose indagini di settore esaltano il pesce ed i suoi omega-3 per i bonus al cuore: tuttavia, risultano carenti riguardo ai dettagli pratici. Allora, per rimediare, gli scienziati della
Northwestern hanno lavorato sul Women’s Health Initiative Observational Study, prendendo in esame 84.493 donne. Le volontarie, tutte in menopausa, sono state seguite dal 1991 al 2008, con
particolare attenzione a scelte alimentari e salute.

Risultato, il pesce faceva bene a patto di scegliere le giuste specie e la giusta cottura. Le specie più “in” sono risultate salmone, pesce azzurro e sgombro, mentre merluzzo, sogliola e
orata sono risultate meno salutari.

Riguardo ai metodi di cottura, promossi bollitura, forno e griglia. Le volontarie che mangiavano almeno 5 porzioni a settimana così cotte vedevano il rischio di malattie cardiache
scendere del 30%.

Bocciatura netta per il fritto: bastava solo una porzione così trattata per far salire il pericolo del 48%.

Il dottor Lloyd-Jones tira le fila: ” Non tutte le varietà di pesce sono uguali per la salute, e inoltre come questo venga cucinato ricopre un ruolo veramente importante. Quando si
sceglie di mangiare pesce fritto, non solo si perdono molti dei benefici derivanti da questo alimento, ma addirittura si aggiungono fattori di rischio”

FONTE: Rashad J. Belin, Philip Greenland, Lisa Martin, Albert Oberman, Lesley Tinker, Jennifer Robinson, Joseph Larson, Linda Van Horn, and Donald Lloyd-Jones. Fish Intake and the Risk
of Incident Heart Failure: The Women’s Health Initiative. Circulation: Heart Failure, 2011; DOI: 10.1161/CIRCHEARTFAILURE.110.960450

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento