Parmigiano Reggiano: Ricominciano i ritiri

Parmigiano Reggiano: Ricominciano i ritiri

Reggio Emilia – Così come era avvenuto lo scorso anno, parte il bando dell’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) per il ritiro di Parmigiano Reggiano da destinare agli
indigenti residenti nel territorio nazionale. La quantità stimata è di 41.000 forme e comunque equivalente al valore commerciale di 7.091,025 tonnellate di latte scremato in polvere
(Smp), valore che ai corsi attuali supera i 16 milioni di euro Iva esclusa. I quantitativi ritirati saranno così l’1,4% della produzione annua di Parmigiano Reggiano.   

“Un provvedimento – sottolinea il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai – preannunciato da tempo e ufficializzato ora dalla pubblicazione del Bando, al quale il Consorzio associa un proprio
intervento finanziario pari a 480.000 euro, sempre Iva esclusa, così da consentire un maggiore quantità acquistata da mettere a disposizione delle fasce di popolazione indigente e
una migliore remunerazione del prodotto che verrà acquistato dall’Agea al minor costo”.

Questa integrazione finanziaria sarà erogata a favore di chiunque si aggiudicherà l’asta, a condizione che acquisti il prodotto dai caseifici che avranno sottoscritto un’apposita
proposta irrevocabile di vendita con il Consorzio, al prezzo di 8,70 euro il kg, ritirato a 13-14 mesi, pesato alla consegna e pagato a 60 giorni data consegna.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento