PA, Berlusconi e Brunetta presentano “Linea Amica”

PA, Berlusconi e Brunetta presentano “Linea Amica”

 

Una conferenza stampa di Berlusconi e Brunetta annuncia un futuro migliore nei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, che sarà completamente digitalizzata entro il
2012. Berlusconi si presenta assieme al ministro dell’Innovazione per dire che nella pubblica amministrazione “non ci sono soltanto i fannulloni”.

E meno male. Il premier annuncia anche la scomparsa della “carta” nei rapporti fra la burocrazia e i cittadini. Sarà tutto telematico, un giorno non troppo lontano. Diciamo entro
il 2012. Per chi ha fede.

Ma intanto i versamenti dei contributi Inps per le colf, passaporti, riscatto della laurea e tante altre pratiche che dal novembre 2008 dovevano essere fatte dai tabaccai, partiranno
soltanto fra un anno: da novembre 2009. Ai giornalisti il ministro ha dato delle “chiavette” da computer al posto della solita cartella stampa “altrimenti sarebbe stata una
contraddizione in termini”.

Brunetta ha anche confermato che in Consiglio dei ministri ha detto che si dimetterà se non si raggiungono gli obiettivi prefissati. Da notare che gli obiettivi sono fissati al
2012, quindi c’è tempo per verificare l’annuncio del ministro.

Chiamate Brunetta 3131
Dopo lo “Sportello amico” presso le Poste, e “Reti amiche” nei negozi di tabaccheria, arriverà entro il mese anche “Linea Amica”, il progetto
lanciato dal ministro Renato Brunetta per snellire la pubblica amministrazione. Il ministro lo aveva presentato a dicembre, dalle poltrone del Maurizio Costanzo Show, e ricalca un po’
lo 060606, in funzione da alcuni anni al Comune di Roma. Oggi l’iniziativa è in dirittura d’arrivo, con una “task force” scelta dai dirigenti del ministero e
già impegnata nei corsi di formazione. Come promesso: “operativo a gennaio”. Lunedì prossimo sarà, infatti, presentato ufficialmente, alla presenza
delle associazioni dei consumatori invitate dal ministero e del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Vi possiamo anticipare, usando le parole di Brunetta, che sarà
“il più grande call center italiano, che non lascerà più soli i cittadini. Chiunque telefonerà verrà preso in carico e supportato fino alla
soluzione del suo problema. Parola di Brunetta”.

Un grande Urp per via telefonica e telematica
In concreto, si darà vita ad un grande ufficio per le relazioni con il pubblico, collegato alle singole amministrazioni e ai rispettivi Urp, raggiungibile per i cittadini tanto
per via telematica quanto telefonica, e servirà ad ottenere in modo rapido ed efficace ogni risposta in materia di servizi, pratiche personali e interpretazioni delle normative;
in altre parole, qualunque dubbio in materia di pubblica amministrazione. Il servizio sarà rivolto a cittadini e imprese; e l’obbiettivo è chiaro: rendere più
efficace la burocratica amministrazione e raggiungere un concreto miglioramento nel rapporto con gli utenti.

Le lunghe file diventeranno un ricordo?
Ecco, dunque, il “nuovo amico” dei cittadini. E staremo a vedere se il ministro otterrà i risultati sperati, magari rendendo le interminabili file agli sportelli un
lontano ricordo. Glielo auguriamo di cuore, e speriamo che il servizio non si trasformi in un “passa-palla”, una lunga trafila di passaggi telefonici in cui si scarica ad
altri soggetti l’onere della comunicazione, magari a discapito dei cittadini che di persona si recano negli uffici.

Michela Rossetti

Leggi Anche
Scrivi un commento