Omega-3 nel piatto per tener lontano la depressione

Omega-3 nel piatto per tener lontano la depressione

Gli omega-3 sono fondamentali per l’umore: una dieta sbagliata e carente di tali elementi può così favorire la depressione.

E’ quanto emerge da una ricerca dell’Inserm di Marsiglia (sezione Istituto di Neurobiologia), diretta dai dottori Sophie Laye e Oliver Manzoni e pubblicato su “Nature Neuroscience”.

La squadra Inserm ha selezionato un gruppo di topi femmina incinte. Durante la gestazione, i roditori hanno ricevuto una dieta povera di omega-3. Quando poi i loro cuccioli sono nati, anch’essi
hanno ricevuto cibi con scarse dosi di tali elementi.

Tramite osservazione, gli esperti hanno notato come i topolini manifestassero sintomi evidente di ansia e depressione. Le analisi del loro cervello hanno evidenziato una limitata
plasticità neurale della corteccia prefrontale e del nucleus accumbens, due regioni che controllano l’umore ed il cui malfunzionamento è collegato a disturbi.

Perciò, gli scienziati diretti da Laye e Manzoni ritengono che l’assunzione di dosi basse di omega-3 possa dare il via a fenomeni di depressione.

FONTE: Mathieu Lafourcade, Thomas Larrieu, Susana Mato, Anais Duffaud, Marja Sepers, Isabelle Matias, Veronique De Smedt-Peyrusse, Virginie F Labrousse, Lionel Bretillon, Carlos Matute,
et al. “Nutritional omega-3 deficiency abolishes endocannabinoid-mediated neuronal functions free”, Nature Neuroscience (30 January 2011) doi:10.1038/nn.2736 Article

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento