Olio extravergine di oliva, ADUC: Dal 1 luglio la nuova normativa, fra Te Deum e qualche furbizia

Olio extravergine di oliva, ADUC: Dal 1 luglio la nuova normativa, fra Te Deum e qualche furbizia

Da domani 1 luglio scatta il Regolamento europeo che obbliga a indicare in etichetta l’origine delle olive per gli oli extravergini e vergini: l’olio ricavato da olive italiane potra’ essere
etichettato con la dicitura “Prodotto italiano”.

Per l’occasione ci sara’ un Te Deum di ringraziamento nella Basilica di San Francesco ad Assisi, cui partecipera’ il Ministro per le Politiche Agricole, Luca Zaia.

Cosa c’entri l’olio santo con l’olio italiano non e’ dato di capire ma, si sa, in Italia sacro e profano, spesso si confondono.

Il dato positivo c’e’ perche’ sulle etichette deve essere indicato il nome del Paese produttore e, finalmente, avremo la scritta “Prodotto in Italia”, riconoscimento di fatto riservato agli oli
Dop.

Ma, c’e’ sempre un ma, nel Regolamento e’ inserito il seguente comma: “Gli Stati membri possono vietare la produzione, sul loro territorio, delle miscele di oli di oliva e di altri oli vegetali
di cui al primo comma per il consumo interno. Tuttavia essi non possono vietare la commercializzazione, sul loro territorio, delle suddette miscele di oli provenienti da altri paesi, ne’
vietare la produzione, sul loro territorio, di dette miscele ai fini della commercializzazione in un altro Stato membro o dell’esportazione”.

Tradotto significa che i nostri produttori non potranno, se vietato, produrre oli con miscele non italiane per il consumo interno, ma possono produrli per esportarli in altro Paese.

Insomma, per noi italiani solo olio italiano (quando indicato) ma per gli stranieri vanno bene le miscele italiane e no.

La classica furbizia italiota.  In aggiunta non possiamo vietare la vendita (come si potrebbe?), in Italia, delle miscele di oli provenienti da altri Paesi.

Dal punto di vista del consumatore la nuova normativa non apporta grandi cambiamenti, perche’ chi vuole un prodotto italiano e pregiato puo’ sempre acquistare un olio Dop. Ricordiamo che siamo
un Paese importatore di olio e olive che servono, tra l’altro, ai nostri produttori per comporre le miscele di oli da esportare.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento