Nasce primo network lombardo di ricerca

Cinque università statali (Pavia, Statale di Milano, Bicocca, Varese e Brescia) e una privata (San Raffaele) strette in un’alleanza virtuosa per dare il massimo impulso alla ricerca nel
campo delle tecnologie mediche.

E’ il risultato ottenuto oggi dalla Regione Lombardia, che è riuscita così a «mettere in rete» e a far dialogare tra di loro tutte e sei le Facoltà mediche
presenti sul territorio regionale. Adesso le competenze e le eccellenze di ciascuna sono definite in maniera chiara ed esauriente, così come i responsabili dei differenti progetti di
ricerca e dei prodotti che possono essere realizzati durante l’anno (attività di ricerca, brevetti, pubblicazioni). Di più, questo network universitario lombardo agevolerà
la collaborazione con le industrie interessate alle tecnologie mediche ed anche il loro trasferimento a regioni o paesi interessati.

«Il nostro lavoro per metter in rete e far dialogare tutti gli attori della ricerca ha raggiunto il suo primo scopo – ha commentato soddisfatto l’assessore regionale alla Sanità,
Luciano Bresciani, che oggi ha presentato la «rete delle eccellenze» alla presenza dei presidi delle Facoltà di Medicina coinvolte nel progetto -. Ora il network è una
realtà, adesso finalmente si sa esattamente chi fa cosa e dove. Siamo senz’altro di fronte a una svolta epocale».

«D’ora in avanti sperimentazione e sistema universitario saranno alleati nello sviluppo tecnologico, facilitando il compito delle industrie che potranno sostenere economicamente la
ricerca, portando risorse finanziarie fresche nel mondo della sanità – ha aggiunto Bresciani -. Sistema sanitario, sistema universitario e industria saranno così i ‘tre
moschettieri’ che lavoreranno assieme mettendo in network le loro attività. A loro se ne aggiungerà in seguito un quarto, che sarà la macro-area sanitaria europea e
mediterranea: la proposta di un’alleanza tra Lombardia, Rhône-Alpes, Baden-Württemberg, Catalogna, oltre a Regione Veneto, Andalusia e Israele, è infatti imminente».

Leggi Anche
Scrivi un commento