Napa Valley, California: qui il vino è da cani

Napa Valley, California: qui il vino è da cani

Una cantina da cani. Non è un insulto, ma la funzione della Frenchie Winery, struttura da vino, costruita nella Napa Valley (California) da Jean-Charles Boisset e della moglie Gina
Gallo.

Come spiega l’autorevole Wine Spectator, la struttura prende il nome dal quattro zampe della coppia, un bulldog
francese di nome Frenchie, è sintetizza le due passioni dei creatori.

La prima, ovviamente, il vino. Secondo la lista di Decanter (sorta di Bibbia del settore) Jean-Charles e signora sono tra i grandi nomi del succo di Bacco. Nella lista dei 50 potenti del
settore, Gina è al numero 15, sopratutto grazie al fatto di essere nipote di Julio Gallo fondatore della più grande compagnia al mondo di vino.

Per quanto riguarda il consorte, è capace di creatore di Borgogna che ha deciso di attraversare l’Oceano. Così, pochi anni fa, Boisset ha acquistato tramite Boisset Family
Estates, la Raymond Vineyard and Cellar, 300 acri nel cuore della Napa Valley.

La seconda sono i cani. Come molti cinofili, i coniugi considerano il loro animale “Un membro dalla famiglia” e trovano molto sgradevole lasciarlo in macchina.

Dalle loro riflessioni è nata la speciale cantina.

Al suo interno, una speciale linea di vini, con Frenchie nelle vesti di Napoleone (blend rosso del 2009), Luigi XIV (Cabernet Sauvignon), addirittura Maria Antonietta (blend bianco). Ma
Frenchie Winery non è esclusiva per gli uomini: mentre loro si godono le bevande, i cani si muovono nelle apposite aree: botti dotate di cuscini, strutture per il gioco e per il riposo.
E, sostiene Jean-Charles Boisset, un dollaro a bottiglia sarà alla Aspca, l’associazione per la prevenzione della crudeltà sugli animali.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento