Mutui: la Federconsumatori condivide l'ampliamento dei poteri dell'antitrust

Secondo quanto dichiarato oggi dal Presidente dell’Antitrust Antonio Catricalà, sono oltre 420mila le famiglie in forte difficoltà a causa dell’aumento della rata dei mutui, a cui
si aggiungono 110mila famiglie per cui si presentano rischi di insolvenza.

È un’emergenza che noi denunciamo da tempo, solo che il fenomeno è molto più ampio!
In Italia sono 3 milioni e 200 mila famiglie che, consigliate dalle banche, hanno contratto un mutuo a tasso variabile ed hanno visto aumentare la propria rata, negli ultimi due anni, di 180 ?
al mese.

È incredibile che molte banche ancora non applichino la Legge Bersani sulla portabilità dei mutui e pretendano di far pagare ai cittadini prezzi esorbitanti per l’estinzione, la
surroga o il trasferimento del mutuo. Sono anche queste anomalie che denunciamo da tempo! Catricalà, oggi, se ne accorge e rivendica più poteri per l’Autorità. Ben vengano
questi nuovi poteri, la Federconsumatori è completamente d’accordo, l’importante è che siano previste sanzioni in grado di dissuadere le banche dall’esercitare comportamenti
scorretti e che l’Antitrust abbia il coraggio di applicare queste sanzioni. Intanto sarebbe importante che il Presidente Catricalà indicasse quali sono le banche che si rifiutano di
attuare la legge e denunciasse questi comportamenti che violano una norma dello Stato. Sarebbe un buon inizio, ma tutto ciò non basta. È necessario individuare delle forme di
sostegno alle famiglie in difficoltà.

Negli anni scorsi, quando una banca è stata in difficoltà o è andata in dissesto, lo Stato si è accollato l’onere di far fronte al risanamento della banca stessa, un
esempio per tutti il Banco di Napoli.
Oggi si abbia il coraggio di intervenire direttamente a sostegno delle famiglie in difficoltà, ricordando che i costi dei servizi delle banche italiane sono i più alti in Europa.

Leggi Anche
Scrivi un commento