Misure anticrisi: Al via la prima fase degli incentivi per i consumi

Misure anticrisi: Al via la prima fase degli incentivi per i consumi

Parte la macchina organizzativa degli incentivi. Un bonus totale di 300 milioni di euro che riguarda ciclomotori, cucine, elettrodomestici, abbonamenti a internet veloce, case ecologiche, motori
marini e prodotti industriali, che produrrà – secondo il governo – benefici per un milione di famiglie. La prima fase è riservata ai venditori; dal 15 aprile, invece, partiranno gli
acquisti “con lo sconto” da parte di consumatori e imprese.   

Con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, entra in vigore il decreto attuativo: i venditori avranno a disposizione una decina di giorni per registrarsi in un apposito elenco prima di poter
attivare l’effettiva erogazione degli incentivi ai consumatori. Una scelta – quella di dividere la procedura in due fasi – per garantire massima trasparenza e per andare incontro alle richieste
delle principali associazioni della distribuzione e dei diversi operatori delle telecomunicazioni, per evitare rischi di congestione.   

La procedura prevede la registrazione dei venditori tramite l’apposito call center gestito da Poste italiane, al numero verde 800.556.670. Per gli abbonamenti ad internet veloce, invece dovranno
registrarsi solo gli operatori delle telecomunicazioni (e non i rivenditori), utilizzando esclusivamente l’indirizzo email contributi.bandalarga@postcert.it.   

Da giovedì 15 aprile consumatori e imprese potranno cominciare ad acquistare i prodotti con gli incentivi, di cui si potrà beneficiare sino alla fine dell’anno, salvo che i fondi
non vengano esauriti prima. In particolare, per i motocicli il bonus totale è di 12 milioni di euro, per le cucine componibili 60 milioni e stesso importo per le agevolazioni agli immobili
ad alta efficienza energetica.

Cinquanta milioni sono destinati agli elettrodomestici (lavastoviglie, forni elettrici e piani cottura, cucine a gas, cappe climatizzate, pompe di calore per acqua calda), venti milioni alle
nuove attivazioni di linea telefoniche a banda larga per i giovani fra i 18 e i 30 anni (ciascuno avrà un bonus da 50 euro).

Otto milioni andranno per l’acquisto di nuovi rimorchi e semirimorchi, 20 per le macchine agricole e movimento terra, 20 milioni per motori fuoribordo e stampi per scafi da diporto. Quaranta per
le gru a torre per l’edilizia. Dieci per l’acquisto di inverter, motori ad alta efficienza energetica, Ups e batterie di condensatori.   

Il provvedimento, firmato dai ministri allo Sviluppo economico Claudio Scajola, all’Economia e Finanze Giulio Tremonti e all’Ambiente Stefania Prestigiacomo, punta a favorire l’acquisto di
prodotti innovativi e a basso consumo energetico.   

Le misure per il rilancio del Piano Casa – inserite nel decreto legge incentivi – non convincono, però, la Finco (la Federazione industrie, prodotti, impianti e servizi per le costruzioni
aderente a Confindustria), insoddisfatta sia per il totale stanziato sia per le modalità scelte dal Governo. Il decreto – spiega la federazione – stanzia circa 60 milioni di euro per nuove
abitazioni ad alta efficienza energetica attraverso bonus fino a 7.000 euro. Una misura che – afferma Finco – “potrebbe valere come bonus all’acquisto per circa 10.000 appartamenti, ovvero assai
meno di quelli presenti in un solo quartiere di medie dimensioni di una città”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento