Ministero del Lavoro: il riposo del lavoratore cade ogni sei giorni

Ministero del Lavoro: il riposo del lavoratore cade ogni sei giorni

Nessuna legge obbliga a far coincidere il riposo settimanale spettante ai lavoratori con la domenica.
  Lo precisa il Ministero del Lavoro in risposta ad una serie di quesiti riguardanti la possibilita’ di adibire al lavoro i dipendenti nei giorni festivi e di domenica. Il Ministero ha
chiarito che nessuna norma costituzionale sancisce l’obbligo di far coincidere il riposo settimanale con la domenica e che anche la Corte di Giustizia europea ha rilevato come non sia
giustificata da nessuna esigenza la preferenza della domenica rispetto ad un altro giorno della settimana. Per di piu’, la stessa Corte Costituzionale, in un caso specifico, ha dichiarato
l’illegittimita’ delle previsioni che imponevano ai lavoratori della stampa il riposo domenicale. Dopo aver affermato che il riposo settimanale puo’ essere usufruito in qualsiasi giorno della
settimana, il Ministero ha tuttavia aggiunto che, al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori, e’ necessario che venga rispettato il principio della periodicita’ del riposo,
secondo il quale ci deve essere 1 giorno di riposo ogni 6 di lavoro. Per quanto riguarda poi la possibilita’ che il datore di lavoro richieda lo svolgimento di una prestazione lavorativa nei
giorni previsti come festivita’, il Ministero ha chiarito, rifacendosi anche ad una sentenza della Corte di Cassazione, che questo e’ possibile solo in base ad un accordo con il lavoratore o in
base alla previsione contenuta nella contrattazione collettiva. Il lavoro nei giorni festivi non puo’ quindi essere imposto in base ad una decisione unilaterale del datore di lavoro.

Leggi Anche
Scrivi un commento