Memoria, convegno internazionale sugli stermini del '900

Firenze – Studiosi ed esperti di Shoah e di altri stermini del Novecento arriveranno da tutto il mondo a Firenze e daranno vita ad uno degli eventi del Giorno della Memoria 2008
organizzati dalla Regione, ‘Shoah e violenze di massa nel Novecento’ è il titolo del convegno internazionale, organizzato in collaborazione con il Forum per i problemi della pace e della
guerra, che si terrà dal 28 al 30 gennaio nell’Aula Magna dell’Università di Firenze.

«La Regione – ha dichiarato Ugo Caffaz, direttore generale istruzione e cultura che è intervenuto al posto dell’assessore Gianfranco Simoncini, impossibilitato a partecipare alla
conferenza stampa di presentazione del convegno – punta a mantenere vivo il ricordo della Shoah lungo tutto il corso dell’anno e non soltanto in corrispondenza del 27 gennaio. E lo fa con tutta
una serie di eventi e manifestazioni che in molti casi sorgono in modo spontaneo, in tanti comuni e località della Toscana che hanno vissuto in prima persona il dramma dello sterminio e
delle deportazioni. Il convegno internazionale che si terrà dal 28 al 30 gennaio raccoglie il contributo di tanti studiosi ed esperti di fama internazionale che per tre giorni
cercheranno di far compiere ulteriori passi avanti alle ricerche tuttora in atto. Sempre il 28 gennaio vorrei ricordare – ha concluso Caffaz – anche l’evento del Mandela Forum al quale sono
attesi almeno 7000 ragazzi provenienti da tutta la Toscana. I momenti chiave saranno il video saluto del regista Steven Spielberg, l’incontro con alcuni testimoni di stermini, quello con i
registi Faenza, Lizzani e Scola».

«Il convegno internazionale – ha spiegato Dimitri D’Andrea, presidente del Forum per i problemi della pace e della guerra – è un’occasione importante per far progredire la ricerca
sulla Shoah e sugli altri stermini che hanno caratterizzato il secolo scorso. La speranza è che una migliore conoscenza di questi fenomeni possa contribuire ad evitare che se ne
ripropongono altri». Il seminario si compone di tre nuclei tematici: unicità della Shoah e possibilità di confronto con altri stermini; studio delle dinamiche politiche,
economiche, psicologiche, antropologiche e religiose cause degli stermini; politica e didattica della memoria, ovvero come mantenere la memoria di tali eventi ed evitarne il ripetersi. Il
programma completo delle iniziative organizzate dalla Regione e quello del convegno internazionale sono disponibili sul sito: .

Federico Taverniti

Leggi Anche
Scrivi un commento