Acca Larenzia, Fini: «ricordare per fare Giustizia»

«Un ricordo doveroso per fatti avvenuti in anni cronologicamente lontani, ma vicinissimi nella memoria di chi li ha vissuti: anni all’insegna dell’odio ideologico e ancora oggi della
totale assenza di giustizia» così il presidente Gianfranco Fini, in occasione del trentennale dei fatti di Acca Larenzia, ha ricordato gli avvenimenti del 7 gennaio 1978.

«Quegli anni – la sottolineato il leader di An – non devono ripetersi in alcun modo e perché questo accada è giusto ricordare chi è stato ucciso ed è giusto
sempre e comunque ricordare che la passione politica non deve mai tracimare nell’odio. Fare polemica vuol dire perdere una buona occasione per meditare e riflettere. Per chi commise l’omicidio
si trattava di una sorta di esame di ammissione alle Brigate Rosse. Chi uccideva lo faceva per dimostrare la sua determinazione per intraprendere la strada della lotta armata. Nel caso dei due
ragazzi uccisi davanti alla sezione – ha concluso Fini- non si è mai individuato il responsabile e questa è una storia che purtroppo si è ripetuta in tanti altri
casi».

Leggi Anche
Scrivi un commento