Matrimonio tra gli Oleifici Barbera e Identità Golose

Matrimonio tra gli Oleifici Barbera e Identità Golose

L’olio extra vergine d’oliva della Premiati Oleifici Barbera sarà l’olio messo a disposizione degli oltre cento chef nazionali e internazionali stellati che prenderanno parte
all’ottava edizione di “Identità Golose”

Il congresso internazione di cucina d’autore si svolgerà, nella sua ottava edizione, a Milano dal 5 al 7 febbraio prossimi.

La grande cucina proposta in questa edizione milanese di Identità Golose avrà come linea guida l’esaltazione della vera essenza delle materie prime e in questa direzione l’olio
extra vergine d’oliva di Manfredi Barbera, sarà disponibile per tutti gli show cooking e in tutte le ricette proposte dai grandi chef, avrà un ruolo centrale nel valorizzare
l’unicità e la freschezza di prodotti di elevata qualità.

Un connubio dunque, quello tra gli Oleifici Barbera e Identità Golose, che appare naturale per una kermesse all’insegna del gusto che vedrà la grande cucina d’autore interpretare
la vera essenza delle materie prime, svelate nella loro genuinità in nome del rispetto della loro qualità organolettica.

D’altronde, con passione e intraprendenza, sin dagli albori datati fine Ottocento, la Famiglia Barbera ha fatto del rispetto del valore identitario della materia prima la bandiera di una
filosofia produttiva. Un impegno che si traduce in una grande varietà di etichette differenti, in grado di esprimere l’eccellenza delle migliori cultivar autoctone dell’olio extra
vergine d’oliva siciliano.

A Identità Golose, Premiati Oleifici Barbera porterà in dote le spiccata personalità dei tre monocultivar: Lorenzo n° 1, Lorenzo n°3 e Lorenzo n°5, presentati
con nuovissimo packaging in una bottiglia disegnata personalmente da Manfredi Barbera e dal pregiatissimo Frantoia, un’extra vergine ottenuto da un blend delle olive Biancolilla, Nocellara del
Belice, e Cerasuola.

“C’è una tendenza in atto – spiega Manfredi Barbera, quarta generazione alla guida dell’oleificio siciliano – rimarcata anche in questa edizione di Identità Golose, che consegna
all’olio extra vergine d’oliva un ruolo vitale nel valorizzare il sapore autentico delle materie prime elaborate dai grandi chef internazionali. Non è un caso se, con sempre maggiore
attenzione, l’alta ristorazione è più attenta a selezionare prodotti di qualità. C’è voglia di sorprendere i palati con i sapori autentici e veri senza ricorrere a
nessuna sofisticazione e, in questo cammino, l’olio extra vergine d’oliva, quello autentico, da sempre sinonimo di una dieta salutistica, non può che recitare uno dei ruoli più
importanti “.

La partnership tra Identità Golose e Manfredi Barbera, nata lo scorso fine ottobre con Identità New York e riconfermata in questa edizione milanese, porterà l’azienda
siciliana ad assegnare un premio ad uno degli chef protagonisti dell’ottava edizione del congresso d’alta cucina.

La storia imprenditoriale della Manfredi Barbera & Figli, intensamente legata alla Sicilia agricola e rurale e alla città di Palermo, è parte integrante della cultura
d’impresa di questa terra. Gli inizi possono essere fatti risalire al lontano 1888.

 Lorenzo Barbera è il capostipite della famiglia; avvia la propria azienda agricola giungendo da subito ad ottimi risultati sul mercato. Nel 1894, da un importante sodalizio con i
Florio (una delle dinastie imprenditoriali più potenti e in vista di quel tempo) nasce la società “Oleifici Siciliani”. Da questa data prende inizio la lunga e fortunata storia
dell’olio siciliano di qualità nel mondo. 

Da allora infatti i prodotti hanno ottenuto diversi importanti riconoscimenti, a partire dal 1900, storica data in cui Lorenzo Barbera all’Esposizione Internazionale di Parigi, vince ben
quattro medaglie d’oro e altre due al Grand Prize di Sant Louis negli Stati Uniti. 

Grazie alle conseguenti richieste del mercato viene ulteriormente incrementata la produzione dell’olio e si stringono rapporti commerciali con le aziende agricole confinanti. Innumerevoli i
successi, le innovazioni e le intuizioni tra le quali, una delle più significative, risale al 1936, anno in cui Manfredi senior introduce – primo nel mondo – la bottiglia di vetro per la
vendita dell’olio d’oliva, fino ad allora confezionato in semplici fusti. 

Nel frattempo ad affiancare Manfredi senior entra in azienda il giovane figlio Lorenzo detto Renzino, terza generazione della famiglia. A lui, poeta eccellente ma dal solido legame con la terra
e le tradizioni, si devono le lungimiranti scelte nel marketing e nella comunicazione. 

La storia della famiglia Barbera ci porta fino ad oggi e vede protagonista Manfredi Barbera, rappresentante della quarta generazione di questa storica famiglia dell’olio siciliano che, da oltre
vent’anni, conduce con passione ed intuito l’azienda, coniugando l’amore per la tradizione con l’apertura a tutte le opportunità offerte dalla tecnologia moderna. 

Tende al perfezionamento della qualità dell’olio ed alla internazionalizzazione dell’azienda, sono sue le vincenti intuizioni sulla diversificazione dei prodotti e sull’accattivante ed
originale appeal del packaging.

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento