Mantova: Trend positivo per l'export al 3° trimestre del 2007

Mantova – I dati Istat sull’import – export al terzo trimestre del 2007 mostrano ancora un andamento positivo delle esportazioni provinciali, proseguendo il trend evidenziato nelle
precedenti rilevazioni periodiche esaminate dal Servizio Studi della Camera di Commercio di Mantova e dal Centro Studi di Confindustria Mantova con la collaborazione del Consorzio Mantova
Export.

Complessivamente, nel periodo gennaio-settembre 2007 le esportazioni della nostra provincia sono state di oltre 3.858 milioni di Euro, con un incremento del 16,8% rispetto allo stesso periodo
del 2006. La variazione congiunturale del periodo luglio-settembre 2007, rispetto al secondo trimestre dell’anno, ha evidenziato un calo del 5,5% e tale andamento rispecchia quello che gli
uffici avevano già rilevato, nello stesso periodo, per il comparto manifatturiero (non si può non evidenziare l’impatto negativo sulle esportazioni europee, causato dalla
rivalutazione dell’Euro nei confronti del dollaro). Le importazioni mantovane, a settembre, hanno toccato quota 2.712 milioni di Euro, con un aumento del 2,6% rispetto allo stesso periodo dello
scorso anno. La dinamica trimestrale ha invece registrato un incremento estivo del 13,4% rispetto al secondo trimestre del 2007.
A livello regionale e nazionale i valori import-export hanno sostanzialmente mantenuto l’andamento registrato nella rilevazione dei primi sei mesi del 2007, con esportazioni cresciute del 12% a
livello Italia e dell’11% per la Lombardia, ed importazioni a più 6% a livello nazionale e a più 7% a livello regionale.
Considerando i saldi commerciali, come già accaduto in passato, emerge il dato positivo della provincia di Mantova, pari a 1.147 milioni di Euro, mentre i dati regionali e nazionali si
mantengono di segno negativo.
Se si valutano gli andamenti a livello settoriale del nostro export provinciale, si rilevano buone performance per tutti i principali comparti esportatori dell’industria mantovana specie per
gli autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ( 23%); le macchine ed apparecchi meccanici ( 10%); i prodotti della metallurgia ( 36%); i prodotti chimici e fibre sintetiche e artificiali ( 14%); i
prodotti tessili ( 9%); i prodotti alimentari e bevande ( 18%). Unico settore in stallo quello dell’abbigliamento (0,2%).

Dal lato dell’import, i principali settori, sempre a livello provinciale, hanno fatto rilevare i seguenti aumenti: prodotti chimici e fibre sintetiche e artificiali ( 5,1%); prodotti alimentari
e bevande ( 3%); macchine ed apparecchi meccanici ( 44%); prodotti tessili ( 12%); autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ( 14%).
Mentre sono calate le importazioni di prodotti della metallurgia (-2%) articoli di abbigliamento, pellicce (-12%) e quelle di cuoio, articoli da viaggio, borse (-27%).
Sul fronte geografico, sono cresciute notevolmente le esportazioni dei prodotti mantovani verso i principali paesi partner: Germania ( 23%), Francia ( 10%), Spagna ( 29%) e ancora Regno Unito
( 22%), Austria ( 43%), Romania ( 36%), Paesi Bassi ( 11%). Invece, gli effetti del cambio forte dell’Euro, si sono fatti sentire su Stati Uniti (export a -13%) e Giappone (export a -5%).
Dal lato delle importazioni, si segnala un aumento dell’import da India ( 58%), Ungheria ( 50%), Giappone ( 44%), Spagna ( 44%), Iran ( 48%). Sono calate invece le importazioni soprattutto da
Romania (-23%), Turchia (-39%) e Stati Uniti (- 34%).

Leggi Anche
Scrivi un commento