Export, Pichetto: Piemonte cresce troppo lentamente

Piemonte – “Anche i dati dei primi nove mesi dell’anno confermano per l’export piemontese una crescita tra le più basse d’Italia”, così Gilberto Pichetto, consigliere
regionale di Forza Italia, commenta le cifre fornite dall’Istat, relative al periodo gennaio-settembre 2007, per le esportazioni delle Regioni italiane.

“Per il Piemonte si registra una crescita del 7,6 % rispetto all’analogo periodo dello scorso anno – osserva Pichetto – e dunque in misura significativamente inferiore agli indici di crescita
fatti registrare da altre Regioni, come la Lombardia che cresce dell’11,3 %, o l’Emilia che sale del 13,4 %. La performance piemontese, pur positiva, è comunque decisamente sotto la
media nazionale, pari all’11,5 e tra le più basse d’Italia. Non capisco davvero i toni trionfalistici di chi, fornendo il dato piemontese dimentica di fare i riferimenti con le altre
Regioni e con l’Italia intera”.
Secondo l’esponente azzurro sono elementi preoccupanti “perché denunciano l’incapacità del Piemonte di stare al passo con l’export italiano, e infatti rispetto al 2006 il peso
delle nostre esportazioni sul totale nazionale è sceso dal 10,7 % al 10,3 %. E pensare che l’export è sempre stata una punta di diamante della nostra economia. Non vedo nella
Giunta Bresso la consapevolezza della gravità delle conseguenze che possono derivare”.

Export, Pichetto: Piemonte cresce troppo lentamente

Piemonte, 12 Dicembre 2007 – “Anche i dati dei primi nove mesi dell’anno confermano per l’export piemontese una crescita tra le più basse d’Italia”. Così Gilberto Pichetto,
consigliere regionale di Forza Italia, commenta le cifre fornite oggi dall’Istat, relative al periodo gennaio-settembre 2007, per le esportazioni delle Regioni italiane.

“Per il Piemonte si registra una crescita del 7,6 % rispetto all’analogo periodo dello scorso anno – osserva Pichetto – e dunque in misura significativamente inferiore agli indici di crescita
fatti registrare da altre Regioni, come la Lombardia che cresce dell’11,3 %, o l’Emilia che sale del 13,4 %. La performance piemontese, pur positiva, è comunque decisamente sotto la
media nazionale, pari all’11,5 e tra le più basse d’Italia”.

Secondo l’esponente azzurro sono elementi preoccupanti “perché denunciano l’incapacità del Piemonte di stare al passo con l’export italiano, e infatti rispetto al 2006 il peso
delle nostre esportazioni sul totale nazionale è sceso dal 10,7 % al 10,3 %. E pensare che l’export è sempre stata una punta di diamante della nostra economia. Non vedo nella
Giunta Bresso la consapevolezza della gravità delle conseguenze che possono derivare”.

Leggi Anche
Scrivi un commento