Maltempo, Coldiretti: dai nubifragi tropicali danni per milioni

Maltempo, Coldiretti: dai nubifragi tropicali danni per milioni

Nel 2009 lo straordinario ripetersi di temporali tropicali a macchia di leopardo nelle diverse aree del paese ha già provocato danni per milioni di euro nella campagne, dal sud al centro
fino nord Italia. E’ quanto emerge dal bilancio tracciato dalla Coldiretti che sottolinea come il nubifragio che ha colpito la Lombardia è solo l’ultimo episodio che conferma un
andamento stagionale anomalo. L’andamento climatico primaverile estivo è stato infatti segnato – sottolinea la Coldiretti – dall’arrivo improvviso di aria fredda con la  formazione
improvvisa di nubi killer e manifestazioni temporalesche caratterizzate da precipitazioni intense, fulmini e grandine che  hanno provocato danni ma anche morti e feriti.

In Lombardia il maltempo – riferisce la Coldiretti – ha bersagliato soprattutto Milano, ma si registrano danni da grandine ad est del capoluogo nel Melzese e ad ovest nell’Inverunese. Nel
Bergamasco, alcune violente grandinate hanno colpito il mais che si trova nel periodo delicato della fioritura e questo comprometterà la produzione. Numerosi ettari di campi e serre di
ortaggi sono allagati e si guarda con preoccupazione ai vigneti perché, se la pioggia dovesse continuare, gli acini rischierebbero di ingrossarsi troppo e di rompersi.

Ortaggi sommersi, pesche e albicocche “atterrate” dalla grandine, trebbiatura del grano saltata per la troppa acqua presente sui campi sono invece – informa la Coldiretti – gli effetti dell’
ondata di maltempo in Puglia e la Calabria. L’intera provincia di Foggia – segnala la Coldiretti – ha subito pesanti effetti a causa della pioggia torrenziale che ha provocato allagamenti e
numerosi smottamenti. In particolare sono stati sommersi dall’acqua numerosi territori agricoli dei comuni del sub Appenino dauno settentrionale e sono andate distrutte le coltivazioni di
ortaggi, mentre per quanto riguarda il grano al momento è assolutamente impossibile trebbiare.

Danni ingentissimi si sono verificati nel Cosentino – prosegue la Coldiretti – alle coltivazioni di pesche e albicocche, in piena produzione, e di agrumi. La grandine, le trombe d’aria e
violenti fortunali si sono accaniti sulla maggior parte delle aziende agricole del comune di Cassano jonico, strutture specializzate ricadenti nel cosiddetto “Distretto agroalimentare di
qualità”. Ma danni da grandine a macchia di leopardo  si sono riscontrati anche in alcune province piemontesi. Sono state interessate – continua la Coldiretti – le coltivazioni
orticole e cerealicole del Cuneese e della zona pedemontana del Torinese. Si tratta in realtà – conclude la Coldiretti – solo degli ultimi effetti degli eventi temporaleschi improvvisi e
temporanei si sono ripetuti nelle ultime settimane che hanno in realtà interessato vigneti, frutteti, grano, mais in molte altre regioni, dall’Emilia Romagna al Friuli, dalle Marche al
Veneto, dalla Toscana al Lazio.

Leggi Anche
Scrivi un commento