Lotteria Italia: i 5 milioni vinti a Roma

Lotteria Italia: i 5 milioni vinti a Roma

 

Roma conferma la tradizione favorevole e si aggiudica i 5 milioni di euro della Lotteria della Befana, ma al Lazio vanno altri due dei primi 6 biglietti vincitori della Lotteria Italia
abbinata al programma ‘Carramba che fortuna!’, condotto da Raffaella Carrà e in onda ieri sera su Raiuno.
Ma ecco, nel dettaglio, la serie dei primi 6 biglietti vincenti. 
Il biglietto E 502242, venduto a Roma, vince il primo premio di 5 milioni di euro della Lotteria Italia.
Il secondo premio va al biglietto serie L 357404 venduto a Ceccano (Frosinone), in via Gaeta 294. Il vincitore si porterà a casa 3 milioni di euro.
Il terzo premio di 2 milioni di euro se lo aggiudica il biglietto serie F 547314, venduto a Pachino (in provincia di Siracusa) in piazza Vittorio Emanuele 63 .
Il quarto premio, pari a 1,5 milioni di euro, se lo l’aggiudica l’acquirente del biglietto serie N 323631 venduto a Dolo (Venezia) e venduto in un Autogrill della A4, La Serenissima,
km.247 direzione Roma .
Il quinto premio di 1,2 milioni di euro andra’ al fortunato possessore del biglietto serie S 663401 venduto a Civitella d’Agliano (Viterbo) in un’area di serivizio della A1,
Firenze-Roma.
Infine il sesto premio da 1 milione di euro se lo aggiudica il biglietto serie C 397615 venduto a Catania, in via Sanzio 30 .
Come si vede due dei sei biglietti superpremiati sono stati venduti in aree di servizio sulle autostrade e anche questa è una tradizione tra i vincitori della Lotteria Italia,
anche se rende ancora più difficile del solito l’identificazione dei fortunati possessori dei tagliandi vincenti.

La Balduina, quartiere bene di Roma
Nessuna festa, vista l’ora tarda in cui si è saputo a chi era andato il primo premio, alla tabaccheria-ricevitoria di via Duccio Galimberti 236, nel quartiere Balduina, a Roma,
dove è stato venduto il biglietto che ha vinto i 5 milioni di euro della Lotteria Italia. Via Duccio Galimberti si trova in un quartiere bene della Capitale.
”Hanno venduto qui il biglietto? Magari fosse toccato a me”, ha detto Marco, un ragazzo che rientrava a casa, non lontano dalla fortunata tabaccheria. ”Spero che a vincere questi 5
milioni sia stato qualcuno che lavora qui come colf o come badante: chi ci abita non ne avrebbe bisogno”, ha osservato un tassista che aveva appena lasciato una signora sotto il
portone di casa.


Altri 141 premi minori
Sono stati poi sorteggiati 10 premi di seconda categoria da 250.000 euro; 30 premi di terza categoria da 50.000 euro; 101 premi di quarta categoria da 20.000 euro che potrebbero essere
elevati a 113 nel caso in cui il Jackpot non venisse assegnato nel corso della trasmissione televisiva. In questo caso i premi totali diventerebbero 159. Ai rivenditori presso i quali
sono stati acquistati i biglietti vincenti è stato riservato un premio complessivo minimo di 122.000 euro.

Vendite quest’anno ok
Biglietti esauriti in moltissimi punti vendita fin da ieri, in attesa dell’estrazione dei numeri fortunati, che saranno abbinati stasera ai 6 concorrenti arrivati in finale nella
trasmissione televisiva Carramba che fortuna, condotta su RaiUno dall’inossidabile Raffaella Carrà. Secondo l’agenzia specializzata Agipronews, sono 18,5 milioni i biglietti
venduti, un dato che migliorerebbe del 15% quanto totalizzato lo scorso anno (16,4 milioni di tagliandi) ma che potrebbe ancora subire ritocchi verso l’alto, in considerazione del fatto
che è proprio a ridosso delle estrazioni che tradizionalmente si registra il picco di acquisti dell’ultima ora.
Anche quest’anno il primo premio è di 5 milioni di euro, ma – visti gli incassi record – la suddivisione dei premi potrebbe riservare ancora sorprese, anche perché devono
essere ancora stabiliti i premi di seconda, terza e quarta categoria.

La fortuna in Autogrill
Gli italiani che sono sulla strada del ritorno a casa, potrebbero cogliere una chance per un rientro più felice negli Autogrill.
Autostrade e Lotteria Italia vanno spesso a braccetto: le soste fortunate sono ormai un classico. Memorabile l’edizione del 2005, quando primo, secondo e quarto premio andarono a
biglietti venduti sulle autostrade insieme ad altri 15 premi minori.
Lo scorso anno la vendita complessiva dei tagliandi negli Autogrill è stata eccezionale: 4 milioni di tagliandi, il 24% del totale.

Roma in testa alle supervincite
La supervittoria del 6 gennaio 2009 conferma una tendenza favorevole alla Capitale. Se il SuperEnalotto ha spesso dispensato Jackpot straordinari in cittadine di provincia, la Lotteria
Italia concentra, invece, i suoi favori su Roma che è la città dove è stato vinto più volte il primo premio. Con quello di ieri sera 6 volte negli ultimi 13
anni. Nelle due edizioni precedenti, invece, il superpremio è andato a Napoli. Le province più fortunate sono, comunque, quelle del Centro-Nord; quelle che non hanno mai
vinto sono Vibo Valentia, Sondrio, Biella e Verbania.


Se per caso avete vinto la Lotteria…
Se siete voi a trovarvi tra le mani il biglietto vincente (potrebbe sempre capitare…) per riscuotere la vincita, dovrete presentarlo, integro e originale, presso uno sportello di
Banca Intesa oppure presso l’Ufficio Premi del Consorzio Lotterie Nazionali a Roma. Il biglietto può anche essere spedito all’Ufficio Premi a mezzo di raccomandata. I premi
devono essere richiesti entro180 giorni a partire dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del bollettino dell’estrazione, e il pagamento avviene entro 30 giorni dalla data di
presentazione del biglietto.

Attenti a incassare la vincita
Controllate bene i numeri di serie del vostro (o dei vostri, visto che spesso se ne compra più d’uno) biglietti. Non sono ammesse, infatti, distrazioni: se non vengono incassate
entro i tempi prescritti, le vincite non possono essere più riscosse e vengono incamerate dallo Stato. Secondo Agipronews, soltanto lo scorso anno i premi non riscossi sono stati
pari a 780 mila euro. Ancora più consistente la cifra nel 2007: 1 milione e 125 mila euro. Perciò: non fate come quelli che vincono la Lotteria e perdono il biglietto!

Tutti i biglietti vincenti

 

Leggi Anche
Scrivi un commento