L’ipocondria? Colpa del Dr. House ed i suoi fratelli

L’ipocondria? Colpa del Dr. House ed i suoi fratelli

I telefilm medici, come Dr. House o Private Practice possono colpire gli spettatori che a furia di vedere rappresentati disturbi e malattie varie, credono di essere loro vittime.

A legare i serial medici e l’ipocondria, una ricerca dell’Università del Rhode Island, diretta dal professor Yinjiao Ye e pubblicata su “Mass Communication and Society”.

Gli studiosi hanno messo sotto la lente 274 giovani adulti, osservando come si rapportassero ai telefilm e come tali programmi influenzassero la loro vita quotidiana.

Per i ricercatori, tali programma agiscono come armi a doppio taglio: da un lato rendono più consapevoli dell’importanza della salute e della prevenzione, e questo è positivo.
Dall’altro, però, possono provocare cattive interpretazioni e generare eccessive paure.
Detto altrimenti, alcuni spettatori guardano la TV in cerca di risposte facili e veloci. Questo bisogno, unito alla scarsa conoscenza della materia trattata, fa in modo che il soggetto si
percepisca come invaso da malattie e germi letali.

Tuttavia, gli studiosi ammettono i limiti del lavoro, legati ai limiti numerici del campione, ma ritengono che le conclusioni possano essere valide anche su scala più ampia. Per usare le
parole del professor Ye, “Questo gruppo di intervistati ha mostrato insoddisfazione, (però) ho il sospetto che se avessi studiato una popolazione più generale il malcontento
sarebbe ancora più alto”.

Allora, consiglia il docente, se si è troppo suggestionabili può esser buona cosa “staccare” con il proprio serial preferito ed occupare il tempo libero diversamente, ad esempio
facendo sport.

Fonte: “TV Viewing Likely to Make You Feel Dissatisfied and Fear Illness, Researcher Warns”, University of Rhode Island 30/09/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento