L'imprenditrice agricola della Coldiretti Floriana Fanizza vince il Premio De@Terra

Bari – Donna e giovane, l’incarnazione di due antitesi alla norma, una imprenditrice della Coldiretti si è aggiudicata, per la Puglia, il premio De@Terra, promosso
dall’Osservatorio Nazionale per l’Imprenditoria Femminile in Agricoltura e dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica.

La vincitrice è Floriana Fanizza, titolare di una impresa agricola di Fasano, dedita alla produzione di olio extravergine DOP. Avvalendosi dei dettami della ‘Legge di Orientamento’ e
della multifunzionalità in agricoltura, ha sfruttato la possibilità della vendita diretta in azienda e ha avviato, contestualmente, l’attività di bed & breakfast
aprendo i battenti della sua masseria.

Ma veniamo alla sua storia. Figlia di coltivatore diretto, laureata in scienze politiche, decide di “profondere gli sforzi – dice la ventottenne Floriana soddisfatta dei risultati ottenuti –
per migliorare la qualità della produzione, incrementare la presenza sui mercati nazionali ed internazionali, spingendo sulla strada della produzione di oli monovarietali.
Contemporaneamente ho aperto la masseria agli amanti della campagna, dell’aria aperta, della tradizione locale, semplice come semplici sono le stanze , rigorosamente in pietra e legno e dove
domina rigorosamente il colore bianco”.
La premiazione avverrà nel corso delle celebrazioni ufficiali italiane della Giornata della Donna Rurale, manifestazione giunta alla settima edizione sul tema scelto per il 2007
«Diritto all’alimentazione: il contributo delle donne rurali».

“L’imprenditrice ha saputo portare – commenta il Presidente della Coldiretti Puglia, Pietro Salcuni – una ventata di novità, professionalità e giovinezza al comparto agricolo,
dimostrando che un territorio tanto ricco può essere utilizzato, valorizzato e promosso anche sfruttando opportunità diverse”.
In realtà, giovani e donne stanno dimostrando una vivacità ed un’attenzione nuova all’imprenditorialità in agricoltura, dando linfa e forti impulsi al comparto. Basti
pensare che negli ultimi cinque anni la percentuale di donne che lavorano in campo agricolo è aumentata, raggiungendo il 32,5% sul totale degli occupati in agricoltura, con 34.313
dipendenti e 11.162 donne che prestano la loro opera in maniera indipendente.

Leggi Anche
Scrivi un commento