Libera: domani a Bari giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie

«Puglia, Arca di pace» è lo slogan scelto per la tredicesima «Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie»che si svolgerà
domani 15 marzo a Bari, organizzata da Libera e Avviso Pubblico in collaborazione con il comune di Bari, la Provincia di Bari e la Regione Puglia.

L’appuntamento si celebra di solito il 21 marzo, primo giorno di primavera, ma quest’anno la coincidenza con il venerdì santo ha determinato lo spostamento. La giornata della memoria e
dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie», ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie e rinnova in nome di quelle vittime il suo impegno di contrasto alla criminalità
organizzata. Libera per la XIII edizione della giornata ha scelto la Puglia, ha scelto Bari, terra forte e generosa che ha saputo sviluppare gli anticorpi per combattere la Sacra corona unita e
trovare la forza per reagire e dove non si deve abbassare la guardia. In terra di Puglia la criminalità organizzata punta a stringere rapporti di collaborazione con le mafie di origine
straniera.

Alle ore 9,00 presso Punta Perotti è previsto il raduno dei partecipanti ed alle 10,00 inizierà il corteo con la lettura dei nomi delle vittime della mafie. Circa 700 persone,
volti spesso dimenticati, vittime della criminalità organizzata. L’arrivo previsto per le 12,00 in Piazza della Libertà. Durante il corteo, e’ prevista una sosta in Piazza Diaz,
dove sarà posizionata un ‘Arca realizzata dal Politecnico di Bari. Sulla struttura di legno saranno applicate delle tavolette di legno recanti i nomi delle vittime innocenti uccise dalla
criminalità organizzata. Le mattonelle sono state realizzate dai ragazzi delle scuole, dall’Agesci e dalle realtà associative pugliesi. Al corteo parteciperanno, tra gli altri,
Luigi Ciotti, presidente Libera, Nichi Vendola, presidente Regione Puglia, Vincenzo Divella, presidente Provincia di Bari, Michele Emiliano, Sindaco di Bari, Fausto Bertinotti, presidente della
Camera, Massimo D’Alema, ministro degli Esteri, Francesco Forgione, presidente della commissione parlamentare antimafia, Giancarlo Caselli, magistrato. Sul palco sono previste le testimonianze
di una rappresentante degli studenti, di un giovane europeo presente a Bari nell’ambito di Flare e di due familiari di vittime di mafie. Un anteprima si svolgerà domani mattina
presto.
Alle ore 7,15 presso la stazione centrale di Bari arriveranno i treni speciali organizzati in collaborazione con Trenitalia proveniente dal Nord. Oltre 1500 ragazzi che viaggeranno tutta la
notte sui vagoni della legalità che portano scritti i nomi di chi è stato ucciso dalle mafie.

«Memoria ed impegno- ha detto Luigi Ciotti, presidente di Libera- perché non e’ sufficiente ricordare, dobbiamo soprattutto fare, agire concretamente. Le mafie tolgono i diritti,
la dignità , la vita. Non uccidono solo con le armi, svuotano l’anima, annullano la speranza. Il nostro paese- ha concluso Luigi Ciotti- ha bisogno di amministrazioni buone, efficienti e
con tempi veloci. In caso contrario si fa il gioco delle mafie.»

Nel pomeriggio si svolgeranno i work shop su «Minori e Mafie»; I ragazzi d’Italia si incontrano; Affermare la legalità. Un impegno internazionale; Mafie e Corruzioni.(I
dettagli e relatori su www.libera.it). Alle 18,00 dal palco centrale in Piazza della Libertà concerto di Andrea Mingardi.

Leggi Anche
Scrivi un commento