Legambiente, torna il Treno verde

Legambiente, torna il Treno verde

 

Torna sui binari il Treno Verde, la storica campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato, giunta quest’anno alla XX edizione, per sensibilizzare i cittadini sull’importanza di
contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. Mobilità sostenibile, energie rinnovabili, risparmio energetico e gestione sostenibile dei rifiuti: sono questi i temi
principali che saranno affrontati durante il mese itinerante del Treno Verde in sette città italiane: Napoli, Taranto, Pescara, Verona, Alessandria, La Spezia e Firenze.

 

Mobilità sostenibile, energie rinnovabili, risparmio energetico e gestione sostenibile dei rifiuti: sono questi i temi principali che saranno affrontati durante il mese
itinerante del Treno Verde in sette città italiane: Napoli, Taranto, Pescara, Verona, Alessandria, La Spezia e Firenze.

Anche quest’anno il Treno Verde, grazie ai rilevamenti condotti dal Laboratorio mobile dell’istituto sperimentale RFI (Rete Ferroviaria Italiana), effettuerà in ogni città
un monitoraggio scientifico sulla qualità dell’aria e l’inquinamento acustico.
Treno Verde 2009
“Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre,ma nell’avere nuovi occhi”. Marcel Proust

Immagina di fare un viaggio nell’ambiente a bordo di un treno speciale, senza andare troppo lontano. Apri gli occhi e scopri che il mondo è nelle tue mani, ogni tua piccola
scelta può migliorare l’ambiente.

NON È MAGIA: BENVENUTI A BORDO DEL TRENO VERDE!
Il Treno Verde, la campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato, è un viaggio itinerante per informare e monitorare l’inquinamento atmosferico e acustico. Un vero e
proprio treno che ospita a bordo una mostra interattiva sull’ambientea 360°. Un mondo tutto attaccato è il filo conduttore di un viaggio che porta i cittadini, grandi e
piccoli, a scoprire perché la Terra si sta surriscaldando, quali sono le conseguenze e quali le soluzioni per salvare il clima: dalla mobilità sostenibile
all’energia rinnovabile, dal risparmio energetico alle scelte d’acquisto responsabili fino alla gestione sostenibile dei rifiuti. Alla sua XX edizione, un grande viaggio che
raccoglie la sfida secolare contro i mutamenti climatici rendendo protagonisti i cittadini di tutte le età, le istituzioni e i governi.

Segui il Treno Verde su http://www.legambiente.eu
scrivi a campagne@legambiente.eu
o chiamaci allo 0686268417

Dritti come un treno per salvare il clima

Quella dell’effetto serra e dei conseguenti mutamenti climatici è la più grande sfida ambientale, politica e sociale del secolo. I gas serra, in particolare
l’anidride carbonica (CO2), prodotti dalla combustione di fonti fossili di energia come petrolio e carbone, sono i diretti responsabili del progressivo riscaldamento del nostro
Pianeta. Le conseguenze di questa alterazione sono drammaticamente attuali: eventi climatici estremi che perseverano sui paesi in via di sviluppo e la perdita degli equilibri naturali
del Pianeta. Per evitare conseguenze irreversibili è obbligatoria una riduzione, da parte dei paesi industrializzati, di almeno il 30% dei gas serra entro il 2020. Ma tutti noi
dobbiamo dare il nostro contributo e vedremo come a bordo del Treno Verde.

Tutti a bordo! Per scoprire che cos’è il clima, perché la Terra si sta surriscaldando e quali sono le conseguenzeper il nostro ecosistema. A bordo un’originale
bilancia che pesa le emissioni di CO2 degli Stati e una vera e propria serra per verificare quanto sale la temperatura della Terra.

Prima tappa: no allo smog, si alla mobilità sostenibile

Nelle nostre città l’aria diventa sempre più irrespirabile. Troppe automobili, troppo traffico, troppo smog! Polveri sottili (PM10 e PM2,5) e biossido di azoto sono
un attentato alla nostra salute; inoltre, le ingenti emissioni di CO2 che derivano dai trasporti, circa un terzo del totale delle emissioni nel nostro Paese, mettono a repentaglio
l’equilibrio di tutto l’ecosistema.

Tutti a bordo! Un rimedio c’è! Si chiama mobilità sostenibile:
vieni a scoprire tutte le soluzioni per respirare meglio!

IL MONITORAGGIO SCIENTIFICO DEL TRENO VERDE

Per ogni tappa della campagna, l’Istituto Sperimentale di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) monitora per 72 ore i livelli di inquinamento atmosferico: le famigerate polveri sottili
(PM10), il benzene, il biossido di zolfo, il biossido di azoto, il monossido di carbonio e l’ozono. Sotto il mirino anche l’inquinamento acustico: anche il rumore inquina!

GPL E METANO: RISPARMI TU!
GPL e metano sono carburanti a basso impatto ambientale e consentono di circolare anche con il blocco del traffico. Lo Stato premia chi li sceglie con gli ecoincentivi. Gli autoveicoli
a gas sono di facile utilizzo e il risparmio sul pieno è garantito. Sicuri e performanti, utilizzano tecnologie avanzate ed affidabili. Assogasliquidi e Consorzio Ecogas, ne
promuovono la diffusione a garanzia del prodotto e dell’utente.
Per informazioni: http://www.assogasliquidi.it, http://www.ecogas.it, numero verde 800 500 501

Seconda tappa: rinnoviamo l’energia

Lo sviluppo delle energie rinnovabili, insieme al risparmio energetico, è l’unica arma vincente per combattere i mutamenti climatici. Il petrolio e il carbone, fonti
fossili sulle quali perseverano le scelte sbagliate dei governi, non solo sono fonti altamente inquinanti ma ben presto si esauriranno. Il nucleare non è la risposta ai mutamenti
climatici: oltre a non garantire il rispetto degli accordi internazionali sui cambiamenti climatici, l’energia atomica è una fonte pericolosa, obsoleta, costosa e
inquinante. Sole, acqua, vento, il calore della terra (geotermia), biomassa: ecco l’energia del futuro! Sono fonti inesauribili di energia, non inquinano e sono economiche
rispetto alle fonti fossili. L’abbandono progressivo di petrolio e carbone, è l’unica strada percorribile per combattere i mutamenti climatici e garantire a tutti un
futuro di qualità.

Tutti a bordo!
Per scoprire perché l’energia rinnovabile conviene e guardare da vicino come si produce energia pulita dal sole, dall’acqua e dal vento con modellini e plastici
interattivi: basta premere un bottone!

Terza tappa: questione di stile!

Rispetto alle manifestazioni del cambiamento climatico, sembriamo piccoli e insignificanti; ma siamo tanti e tutti insieme possiamo far sì che un mondo diverso sia davvero
possibile! Non servono né grandi imprese né grandi rinunce, semplicemente buone abitudini per risparmiare energia, differenziare i nostri rifiuti e smaltirli
correttamente, modificare il nostro stile di vita e contribuire a ridurre le emissioni di CO2.

DIVENTA CITTADINO DI STOP THE FEVER!
Azioni concrete di risparmio e niente sprechi,per un nuovo stile di vita o meglio per una vita con stile. Vuoi sapere quanto alcuni tuoi piccoli gesti possono fare bene
all’ambiente e quanta CO2 puoi risparmiare?
Visita http://www.stopthefever.org

Tutti a bordo!
Per scoprire che il risparmio energetico è la prima fonte rinnovabile di energia e per toccare con mano il risparmio economico e ambientale di semplici accorgimenti: dalle
lampadine a risparmio energetico ai rompigetto per i rubinetti; dalla corretta gestione dei rifiuti alle scelte d’acquisto compatibili con l’ambiente!

Quarta tappa: Non ci rifiutiamo!

Per produrre, assemblare, distribuire qualsiasi tipo di bene materiale si consumano energia, risorse naturali, acqua e aria pulita. Ma noi possiamo fare qualcosa per ridurre consumi e
rifiuti al minimo!

E possiamo farlo partendo da una lettera e moltiplicando per 4: ecco le 4 R!
› Riduciamo, scegliendo i prodotti con meno imballaggi e evitando gli sprechi.
› Riutilizziamo i sacchetti per la spesa in tessuto e tutto ciò che possiamo riutilizzare, a volte basta un po’ di creatività!
› Ricicliamo, separando i rifiuti riciclabili e conferendoli al sistema di raccolta differenziata. Attenzione ai rifiuti pericolosi che hanno bisogno di uno smaltimento
adeguato!
› Recuperiamo energia, bruciando la frazione combustibile e non riciclabile dei rifiuti negli impianti di incenerimento con recupero energetico.

Tutti a bordo!
Scopriamo insieme come chiudere il ciclo sostenibile dei rifiuti, usando e riusando le risorse della natura senza sprechi: tocchiamo con mano quanta CO2 riusciamo a risparmiare! E,
ancora, insieme a Remigia, la locomotiva del riciclo, scopriamo come si raccolgono, smistano e recuperano i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

Quinta tappa: H?O

Accesso all’acqua attraverso il riconoscimento dei diritti
Water access Through Empowerment of Rights

L’effetto serra si traduce in un aumento della temperatura sulla superficie terrestre e mette sempre più in pericolo la risorsa acqua: lo scioglimento dei ghiacciai che
alimentano le falde acquifere, la diminuzione della portata dei fiumi, la diminuzione delle precipitazioni, sono tutti fenomeni che favoriscono la desertificazione assottigliando le
riserve di acqua potabile. E che si fanno più catastrofici nei paesi del Sud del mondo, i meno preparati a mitigarne l’impatto. Una delle sfide centrali di questo secolo
sarà quindi l’assunzione di impegni da parte delle Comunità Internazionale per una gestione sostenibile, efficiente ed equa da parte di strutture pubbliche della risorsa
acqua, per il riconoscimento dell’accesso all’acqua da parte delle Nazioni Unite come un
diritto fondamentale e inalienabile, individuale e collettivo e per l’adozione a livello mondiale di politiche di salvaguardia dell’acqua come elemento centrale dello sviluppo e
prioritario nella lotta alla povertà.
Queste sfide non toccano solo la politica ma devono arrivano fin dentro le nostre case: ogni cittadino, informato sulle ripercussioni globali dello spreco idrico, è chiamato ad
adottare comportamenti etici e usi responsabili e a difendere la gestione pubblica del bene acqua. (www.contrattoacqua.it)

La campagna è realizzata da CeVI, CERAI , CICMA, CIPSI, COSPE, Humanitas, France
Libertés, GREEN Belgium, KE.S.S.A. Dimitra, LEGAMBIENTE ONLUS, TNI – Transnational Institute.

Il Treno Verde compensa le proprie emissioni di gas serra con AzzeroCO2.

Ferrovie dello Stato per l’ambiente

Il treno è il mezzo di trasporto più ecologico. È amico del clima, rispetta l’ambiente e riduce i consumi energetici. Ogni passeggero che viaggia in treno
produce il 76% di gas serra in meno rispetto a chi usa l’aereo e il 66% in meno di chi usa l’auto. L’energia necessaria per un viaggio in treno rispetto al
corrispondente su strada, poi, è più bassa del 67%, percentuale che sale al 91% nel confronto con l’aereo. Ma non è tutto. Un treno può persino
arrivare a trasportare le merci di 50 camion con notevoli vantaggi per la sicurezza stradale e per i nostri polmoni. L’ambiente e lo sviluppo di politiche specifiche sono temi che
rientrano nella missione del Gruppo Ferrovie dello Stato, impegnato a migliorare l’efficienza energetica, razionalizzare l’utilizzo delle risorse naturali e rispettare tutte
le matrici ambientali, per un futuro ad “alta vivibilità”. Nel dicembre 2009 con il completamento delle linee Alta Velocità/Alta Capacità il Gruppo
Ferrovie dello Stato offre al Paese un nuovo, rivoluzionario sistema ferroviario destinato a cambiare radicalmente il modo di viaggiare degli italiani. La nuova rete italiana AV
è infatti un fattore determinante per il riequilibrio modale del sistema nazionale dei trasporti: spostando viaggiatori e merci dalle auto e dagli aerei ai treni, a tutto
vantaggio della qualità del clima e della vita. Anche nella realizzazione delle linee AV/AC il Gruppo ha puntato a garantire la sostenibilità ambientale dell’opera e
il suo corretto inserimento nel territorio. Un esempio per tutti è quello della nuova linea Milano-Bologna, lungo la quale è stato messo a dimora più di un milione
di piante, tra alberi, arbusti e talee, che contribuiscono a neutralizzare circa 2400 t./anno di anidride carbonica emessa in atmosfera. La strada da percorrere per il trasporto
sostenibile è innegabilmente solo una: il treno amico dell’ambiente.

Abbiamo bisogno di energie pulite per salvare il pianeta

Legambiente si batte per migliorare la vivibilità dell’ambiente, per garantire la salute della collettività, per un mondo diverso, più giusto e più
felice. Più di venticinque anni di storia fatta di 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale.
Impegnata contro l’effetto serra, le ecomafie e l’abusivismo edilizio, Legambiente ha aperto la strada a un forte e combattivo volontariato ambientale. Con le sue campagne
di monitoraggio scientifico Legambiente ha raccolto migliaia di dati sull’inquinamento del mare, delle città, delle acque, del sistema alpino e del patrimonio artistico,
sviluppando un’idea innovativa delle aree protette. Sostiene le energie rinnovabili e un’agricoltura libera da ogm e di qualità; è attiva nel mondo della
scuola; con Volontariambiente offre a migliaia di ragazzi opportunità di partecipazione. Con La Nuova Ecologia svolge un’opera quotidiana di informazione sui temi della
qualità ambientale. Si batte per un mondo dove le persone, le comunità, i popoli siano davvero i protagonisti del futuro. Per questo e per tanto altro ancora ti chiediamo
di destinare il tuo 5 per mille a Legambiente, con la dichiarazione dei redditi, sul modello 730, sull’Unico 2008 o sul CUD, firma nello spazio riservato alle onlus e inserisci il
codice fiscale di Legambiente 80458470582.
Legambiente Onlus – Via Salaria 403, 00199 Roma – tel 06.862681 fax 06.86218474
http://www.legambiente.eulegambiente@legambiente.eu

Sponsor Partner tecnici
Assogasliquidi, Consorzio Ecogas e Italgest Energia Isolando e Remedia

Partner scientifico
Con.Tec Engineering

Sponsor tecnico Media Partner
Biasi Caldaie Rds e La Nuova Ecologia

Il Treno Verde compensa le proprie emissioni di gas serra con AzzeroCO2.

Leggi Anche
Scrivi un commento