Le violenze sulle donne si possono eliminare solo con la prevenzione

Le violenze sulle donne si possono eliminare solo con la prevenzione

Le violenze sulle donne si possono eliminare solo con la prevenzione afferma il Dott. Vincenzo Puppo, Medico-Sessuologo, del Centro Italiano di Sessuologia, che spiega:

Da alcuni anni si parla molto di “globalizzazione”, ma si riflette poco sul fatto che per la maggioranza della popolazione terrestre il concetto di “Umanità” e di “Essere Umano”
è praticamente sconosciuto e che le donne non sono considerate persone e sono sfruttate, vendute, assassinate, violentate, maltrattate, come se fosse una cosa normale. A tutti i
maschi, cominciando già dai ragazzi, nelle scuole, deve essere spiegato che tutti gli esseri umani, uomini e donne, sono “Persone” con gli stessi diritti e spiegato l’assurdità di
qualsiasi violenza compiuta su un altro essere umano.


Ai ragazzi va anche spiegato quali possono essere le conseguenze della pornografia. I ragazzi (e gli uomini) devono essere informati che la visione continua di immagini o film
pornografici per potersi eccitare e masturbare, può portare con il tempo, a una vera e propria dipendenza e assuefazione, quindi poi il risultato è proprio l’effetto contrario a
quello voluto: la riduzione della capacità di eccitarsi mentalmente.

La pornografia con il passare del tempo, non fa più nessun effetto, può anche annoiare, si entra in un circolo vizioso, per eccitarsi mentalmente occorre di più, qualcosa
di più particolare e di più spinto, si deve passare dai soliti film, immagini o siti pornografici “normali” a quelli con stupri e altre violenze sessuali, sado-masochistici, con
bambini ecc.

Oggi il sesso determina, purtroppo, vere e proprie ossessioni nella mente di molti uomini (di qualsiasi età) e una parte di questi poi non si accontenta più della pornografia e
sfogano le proprie manie sui più deboli, con le violenze sulle donne e su chiunque non possa difendersi.


Gli uomini devono capire che è una illusione pensare che staranno meglio dopo essere stati con una prostituta o con ragazzini/e o dopo aver violentato o maltrattato donne e/o
bambini. Si deve insegnare agli uomini, soli e non, che la masturbazione è normale a qualsiasi età e che una volta eiaculato, con l’appagamento, si placano anche tutti gli
eventuali istinti violenti.

Si deve insegnare ai ragazzi che non è la quantità di donne “possedute” che li farà sentire più “Uomini”, è al contrario la capacità di amare (anche
una sola donna per tutta la vita) quello che conta veramente. Tutto questo è possibile solo con una corretta educazione all’amore e a fare l’amore.

Dal punto di vista sessuologico si dovrà eliminare la “cultura del buco” (la donna oggetto: solo un “buco” per la soddisfazione maschile) che fino ad oggi ha contraddistinto
l’educazione dei maschi e cominciare ad insegnare nelle scuole l’educazione sessuale in modo corretto dal punto di vista scientifico, e le basi dovranno sempre essere l’amore ed il rispetto
dell’altro in ogni argomento trattato. Spiegando che amare è fare felice il partner e che rapporto completo-fare l’amore = orgasmo per entrambi i partner con o senza il rapporto vaginale
(definizione per tutti gli esseri umani).

Da: Puppo V. La sessualità umana e l’educazione a fare l’amore. Loggia de’ Lanzi Editore. Firenze, 2005.

Vincenzo Puppo per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento