Le relazioni di lunga durata proteggono dalle malattie mentali

Lo stare insieme per lungo tempo fa bene alla salute mentale, in quanto le relazioni che durano agiscono come scudo contro malattie mentali, ma anche dipendenza da alcol e droghe.

E’ il messaggio di una ricerca dell’Università di Otago (nuova Zelanda), diretta dal dottor Sheree J. Gibb e pubblicata su “British Journal of Psychiatry”.

Il gruppo diretto dal dottor Gibb ha esaminato 1000 volontari locali, circa 30 anni d’età, in cerca un potenziale rapporto tra i legami affettivi e lo stato di salute. E così
emerso le relazioni di lunga durata riducessero la frequenza di problemi mentali.

Infatti, nei single la percentuale era del 16%, mentre se la relazione era di breve durata (inferiore ai 24 mesi) si toccava quota 23%. Come detto, i legami solidi fanno effetto: la percentuale
cala infatti al 10% se la coppia ha tra i 2 ed i 4 anni, e si stabilizza al 9% se si sta insieme per più di 5 anni.

Inoltre, la presenza del partner riduceva anche il rischio di abuso di alcol, problema che interessava il 12% dei single contro il 3% dei soggetti con relazioni “a lunga scadenza”

Concludono così i ricercatori: “Il motivo per questo effetto va ricercato nella stabilità finanziaria e nel supporto emozionale che si ottiene con una relazione lunga, che non e’
però legato allo status della coppia, visto che si riscontra sia nelle persone sposate che in quelle che non lo sono”.

FONTE: Relationship duration and mental health outcomes: findings from a 30-year longitudinal study, ” Sheree J. Gibb, David M. Fergusson, and L. John Horwood”, Relationship duration and
mental health outcomes: findings from a 30-year longitudinal study, The British Journal of Psychiatry, Jan 2011; 198: 24 – 30.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento