Le associazioni dei consumatori stanno lavorando a un documento unitario su Malpensa

Il futuro e il successo di Malpensa non sono necessariamente legati alle sorti di Alitalia, lo sostiene il presidente della provincia di Milano, Filippo Penati, in vista del consiglio
provinciale straordinario su Malpensa di lunedì prossimo e al termine dell’incontro con Nunzio Buongiovanni, presidente dell’associazione difesa orientamento consumatori (Adoc) della
Lombardia.

Per Penati «e’ un errore continuare a legare il destino di Malpensa a quello di Alitalia. La crisi della compagnia di bandiera non sarà la morte di Malpensa se nello scalo lombardo
si rimetterà in moto la concorrenza, con condizioni di prezzo, efficienza e qualità del servizio competitivi con gli altri grandi aeroporti europei dove oggi fanno scalo i
passeggeri che volano nel Nord».
«Malpensa – ha aggiunto Penati – deve rimanere un grande aeroporto intercontinentale servito da più compagnie che possano intercettare la grande domanda di trasporto aereo che si
esprime in quest’area, offrendo un servizio all’altezza delle esigenze dei consumatori, in modo da tornare a rendere concorrenziale volare su Malpensa».

Le associazioni dei consumatori, inoltre, stanno lavorando a un documento unitario su Malpensa che il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati porterà al ‘Tavolo Milano’,
convocato a Roma il prossimo martedì 15 gennaio.

Leggi Anche
Scrivi un commento