Lazio: A febbraio partono i nuovi corsi per “sommelier dell’olio”

Lazio: A febbraio partono i nuovi corsi per “sommelier dell’olio”

Roma –  Anche l’olio, come il vino e i formaggi, ha i suoi assaggiatori, esperti qualificati che sanno fotografare le caratteristiche del prodotto con olfatto e gusto. Proprio per
formare questi esperti, Apol Lazio, in collaborazione con Unaprol e Regione Lazio, da cinque anni organizza corsi gratuiti a numero chiuso finanziati dalla Ue che hanno già ‘promosso’
oltre duecento assaggiatori. I corsi hanno l’obiettivo di addestrare consumatori, produttori e addetti alle ispezioni e controlli a capire ‘nel profondo’ un olio di oliva, al di là del
colore che, tra l’altro, è la caratteristica meno significativa.

“Se nel vino il colore può infatti aiutare a capire già in parte le caratteristiche del prodotto – osserva Paola Malanga, organizzatrice e docente dei corsi -, nell’olio non
è un fattore importante, tanto che gli assaggi vengono fatti in un bicchierino azzurro. I nostri corsi seguono le direttive internazionali che sono molto rigide, solo nel nostro settore e
negli assaggi di formaggi c’é un regolamento internazionale così stringente”.   

I corsi di primo livello partiranno il primo febbraio. Fino al 31 gennaio c’é la possibilità di iscriversi tramite il modulo presente sul sito http://www.apol.lazio.it. Da questi corsi, che si svolgono presso la sala Panel dell’Unaprol in via Rocca di Papa 12 (Arco di Travertino-Colli Albani), i ‘nasi’ più
sensibili saranno ammessi al corso di secondo livello che rilascerà il diploma di assaggiatore, riconosciuto dalla Ue.  

“E’ un’esperienza che consiglio – conclude Malanga – perché si fonda sull’utilizzo della sensibilità, non della testa, e risulta quindi importante anche a livello emotivo. Ti offre
in definitiva consapevolezza di te stessa oltre che, naturalmente, dell’olio che consumi!”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento