Latte: bene il Parlamento europeo. Ma è solo un primo passo avanti

Latte: bene il Parlamento europeo. Ma è solo un primo passo avanti

Il presidente della Cia Giuseppe Politi esprime soddisfazione per il voto dell’Europarlamento. Occorrono, però, misure realmente incisive. Positiva l’azione svolta dalla Commissione
agricoltura di Strasburgo presieduta da Paolo De Castro.
 
“Il voto del Parlamento europeo rappresenta un primo passo avanti, ma gli stanziamenti, pur superiori a quelli previsti dalla Commissione Ue, restano ancora insufficienti per dare risposte
adeguate agli allevatori”. Così si è espresso il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi sulla decisione dell’Assemblea di Strasburgo che ha dato il
via libera alla costituzione di un Fondo latte dotato di 300 milioni di euro.

“Comunque, apprezziamo il lavoro compiuto dall’Europarlamento orientato – ha aggiunto Politi – a dare il massimo sostegno alle imprese. In tale contesto, diamo atto all’azione svolta dalla
Commissione agricoltura presieduta da Paolo De Castro che si è sempre impegnato con grande attenzione per cercare di fornire le risposte più adeguate agli allevatori che si trovano
a fronteggiare una situazione estremamente critica, con costi produttivi, contributivi e burocratici in continuo aumento e il prezzo del latte a livelli non certo remunerativi”.

“Il settore lattiero-caseario – ha rilevato il presidente della Cia – è in piena emergenza e per i produttori occorrono interventi finanziari consistenti, altrimenti c’è il fondato
pericolo che molte imprese vadano fuori mercato. Di qui l’invito all’Ue per metter in atto misure veramente efficaci in grado di dare nuove prospettive ai produttori che non possono continuare ad
operare in queste condizioni”.

Politi ha, infine, sollecitato il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia a rendere al più presto operativi i 45 milioni di euro già stanziati. Gli
allevatori ne hanno urgente bisogno”.

Leggi Anche
Scrivi un commento