L’Arte italiana e la gastronomia protagoniste a Nizza a fine maggio

L’Arte italiana e la gastronomia protagoniste a Nizza a fine maggio

Sarà un fine maggio con l’insegna italiana a fine maggio a Nizza. Dal 29 maggio al 16 giugno al Museaav in Piazza Garibaldi, che importanti lavori di restauro hanno trasformato
quest’ultima, in un suggestivo salotto, si svolgerà una collettiva di artisti italiani (pittori, scultori, fotografi) provenienti un po’ ovunque dallo stivale o che operano in Francia e in
altri paesi dell’UE.

Sarà una delle più importanti rassegne organizzate dal Museo e che, non è azzardato dire, dovrebbe dare un nuovo slancio ad una galleria/scuola, sorta in un locale -su due
livelli, da qui underground che non tanti anni fa era un’officina nella quale lavoravano anche molti italiani- che di anno in anno sta conquistando, pur avendo scarse risorse economiche, un
interessante spazio tra le gallerie della Costa Azzurra.

L’altra manifestazione che ha per titolo l’ “Italia a tavola” è imperniata sulle nostre specialità enogastonomiche ed è organizzata dalla Camera di Commercio
Italiana di Nizza. In questo caso si tratta di un appuntamento che si ripete da diversi anni e che ogni volta richiama visitatori e… gustatori da ogni angolo della regione PACA.

La Promenade des Anglais -uno degli angoli più belli del Mediterraneo- rientra tra i punti focali della “città giardino” -come è stata a suo tempo classificata
Nizza- che in qualsiasi periodo dell’anno ospita vacanzieri e visitatori provenienti da tutto il mondo.

All’incontro dello scorso anno parteciparono alla rassegna gastronomica all’incirca 150 aziende con prodotti alimentari esclusivi, tant’è che alla fine si trovarono, alcune, avendo
esaurite le scorte, senza o quasi più merce da vendere.

Da quel che sappiamo quest’anno si dovrebbe superare il numero degli espositori. Intanto oltre ai produttori liguri, di sicuro, non mancheranno quelli della Puglia, del Piemonte, del Trentino,
della Lombardia, del Veneto, insomma del resto d’Italia.

A coronamento, come avviene da sempre, non mancheranno anche gli articoli dei nostri artigiani.

La Camera di Commercio ha lavorato a fondo, specie in questi ultimi tempi, per favorire, mettendoli al corrente della legislazione francese e in modo particolare del disciplinare della regione,
gli esportatori italiani che, anche per la presenza nella metropoli -come di recente è stata riconosciuta- di oltre 30 mila italiani.

Agli espositori italiani quest’anno si presenterà una Nizza per buona parte sconnessa per i lavori in corso alla stazione ferroviaria Thiers dove è in fase di realizzazione un
piazzale antistante più funzionale, ai quali seguiranno quelli interni, per rispondere alle esigenze dei viaggiatori e in prospettiva sia del collegamento veloce con Genova, come dei
futuri treni TGV. Questo anche se non mancano le proteste di molti italiani che provenendo da Milano e Genova con gli intercity una volta giunti a Ventimiglia non trovano la coincidenza con un
treno veloce, quindi non regionale, per Nizza e Cannes.

Altri importanti lavori riguardano il grandioso parco verde (12 ettari) che sta sorgendo tra la città vecchia e quella moderna, sopra il sottostante corso d’acqua Pavillon; cioè
dal Teatro Nazionale allo Spiazzo Jacquies Cotta, che confina con la Promenade, il tutto interrotto da uno specchio d’acqua di 3000 mtq e dalla Piazza Massena. Sarà un polmone d’ossigeno
ma anche di ristoro per il fisico che renderà più accattivante il soggiorno in una città dove il restauro è permanente e dove i palazzi del primo novecento (ai quali
hanno contributo alla costruzione tanti nostri muratori e artigiani piemontesi) sono conservati in modo impeccabile..

Bruno Breschi
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento