La nuova squadra del presidente di Confindustria Modena Pietro Ferrari

Nei giorni scorsi si è riunita la Giunta di Confindustria Modena, la prima dopo il rinnovo della presidenza.

Nell’occasione il presidente Pietro Ferrari ha presentato al parlamentino degli industriali modenesi la nuova squadra che lo affiancherà nel quadriennio del suo mandato.

Innanzitutto i vicepresidenti: lavoreranno con lui, Rossella Po, dell’Angelo Po grandi cucine, già presidente dei Giovani industriali, Giovanni Arletti, della Chimar,che si
occuperà della piccola industria e della semplificazione; Filippo Borghi, del gruppo GB Ricambi, a cui vanno le deleghe per l’internazionalizzazione e il credito e la finanza;
Vincenzo Cremonini, del gruppo Cremonini, con delega al mercato; Sergio Sassi, della Emilceramica, che si occuperà di relazioni industriali e di energia.

Poi è stata la volta del Consiglio direttivo, il «governo» di Confindustria Modena, composto dal presidente Pietro Ferrari e dal past president Vittorio
Fini, dai cinque vicepresidenti e da quattro nuovi consiglieri: Riccardo Bertolini, dell’Arbe Industrie Grafiche, che seguirà il coordinamento con il sistema regionale di
Confindustria; Roberta Caprari, della Caprari, che si occuperà del comparto «education»; Rita Greco, della Rossi Motoriduttori, che avrà la
delega per la comunicazione; Giuseppe Molinari, della Caffè Molinari, che sovrintenderà le procedure organizzative interne. A questi si aggiunge di diritto Stefano
Betti, della Costruzioni Generali Due, presidente dell’Ance di Modena.

«Nella composizione della mia squadra», ha affermato il presidente Ferrari, «ho voluto coinvolgere imprenditori nuovi, pronti a darmi gli stimoli giusti
per portare avanti gli obiettivi di fondo del mio programma. Nel consiglio direttivo e nella giunta ci sono parecchie «new entry»: soprattutto imprenditori giovani e
fra questi una presenza femminile elevata. L’obiettivo di fondo del mio mandato è la crescita del sistema industriale modenese. Per raggiungerlo ho bisogno di uomini e di donne che
mi aiutino a tradurre questo obiettivo in progetti concreti per le nostre imprese. Quale viatico migliore di una quadra equilibrata, che rappresenta al meglio l’industria modenese, giovane e
dinamica?»

Fra i nomi nuovi della Giunta di Confindustria Modena ci sono Mario Mairano della Ferrari, Danilo Montecchi, della Transmec, Antonio Panini, della Edis, Massimo Bruni, della Advanced Telecom
Sistems, Walter Caiumi, della Emmegi, Ormes Corradini, della Sce, Massimo Galassini, della Usco, Giovanni Neri, della Costruzioni Giovanni Neri, Monica Pelliciari, della Fiori, Aldo
Quintavalla, della Zadi, Ivano Selmi della Tetra Pak, Luca Sghedoni, della Kerakoll.

I componenti della Giunta di Confindustria Modena sono in tutto 59. Rimangono in carica dal mandato precedente Giancarlo Baroni, della Baroni, Marcello Masi, della MD Microdetectors, Franco
Stefani, della System, Enrico Cornia, della Cbm, Livio Proli, della Simint, Roberto Raimondi, della Rcm, Federico Corradini, della Cnh Italia, Arrigo Ghizzoni, della Omga, Elena Lancellotti,
della Telluri Rota, Enrico Manfredini, della N=C=O, Ivano Passini, della Valuepart Europe, Daniele Bandiera, della Ferro Spain. Italy Branch, Fabrizio Forghieri, di Villa Rosa, Giancarlo Gatti,
della Neotron, Massimo Goldoni, della Goldoni, Giancarlo Lei, della Lar, Gianfranco Levoni, della Saima Avandero, Sante Levoni, della Alcar Uno, Marco Marchi, della Liu Jo e della Depeche, Ezio
Nicola, della Gambro Dasco, Arturo Poli, della Sirio Sicurezza, Gabriele Ubaldini della Kelyan Smc, Javier Casanas, delle Ferrovie dello Stato, Sabrina Chirico, della Telecom, Luca Cordero di
Montezemolo, della Ferrari, Gian Fedele Ferrari, del Marchese Coccapani, Piero Ferrari, della Ferrari, Roberto Iseppi, della Interpump, Alberto Mantovani, della Mantovanibenne, Tiziana Morandi
delle Poste Italiane, Amerigo Po, della Angelo Po grandi cucine, Fausto Tarozzi della Siti BT Group, Maurizio Tironi, della Elettromeccanica Tironi, Massimo Toschi, della Toschi, Giancarlo
Vezzalini, della Cnh Italia.

Leggi Anche
Scrivi un commento