La meditazione allevia la sclerosi multipla

La meditazione allevia la sclerosi multipla

Praticare meditazione può essere d’aiuto ai malati di sclerosi multipla (SM): tale tecnica è in grado di alleviare sintomi sgradevoli come la depressione e la fatica.

Questo il riassunto di una ricerca dell’Università di Basilea, diretta dal dottor Paul Grossmann e pubblicata su “Neurology”.

Il team di Grossman ha creato un campione di 150 volontari, tutti affetti da SM, dividendoli poi in 2 gruppi. Il primo gruppo ha seguito un corso di meditazione: 8 settimane, una lezione a
settimana di 2,30 ore. Il secondo gruppo ha continuato con le cure standard.

Al termine dell’esperimento, i soggetti del primo gruppo mostravano miglioramenti, tanto più elevati quanto erano alti i livelli di depressione o fatica. In dettaglio, il 65% dei malati
mostrava livelli gravi di depressione ansia o stanchezza. Dopo la pratica della meditazione, la percentuale è scesa intorno al 30%, mentendosi tale anche fino a 6 mesi dopo la fine della
ricerca.

Commenta il dottor Grossmann: “Fatica, depressione e ansia sono problemi abbastanza comuni nei pazienti con sclerosi multipla. Purtroppo i trattamenti farmacologici hanno un effetto minimo
sulla qualità della vita, e quindi ogni trattamento secondario efficace può aiutare”.

Per il capo-ricercatore, i problemi della malattia non sono solo fisici: la depressione e la stanchezza, cioè, sono spesso un effetto collaterale della diversità con le persone
sane, che il malato percepisce come differenza dolorosa tra sé e “gli altri”. Contro tale insidia, la costruzione di un’armatura e di una disciplina mentale (tramite meditazione)
può essere sicuramente utile.

FONTE: Grossman et al., “MS quality of life, depression, and fatigue improve after mindfulness training:..”, Neurology.2010; 75: 1141-1149

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento