Pink Floyd si, Rem no: ecco la lista delle canzoni che fanno bene (o male) all’umore

Pink Floyd si, Rem no: ecco la lista delle canzoni che fanno bene (o male) all’umore

Al momento giusto, la canzone giusta può fare molto bene risollevando l’umore. Al contrario, scegliere il brano sbagliato può favorire la depressione.

Questo il messaggio di una ricerca (in corso) della Caledonian University di Glasgow (Gran Bretagna), diretta dal dottor Don Knox.

La ricerca è finanziata dall’Engineering and Physical Sciences Research Council e si propone di sfruttare la musicoterapia per combattere i disturbi d’umore. Gli scienziati analizzano
così i brani musicali in base a caratteristiche come testi, ritmo e struttura sonora. In base a tali parametri, sarà così creata una classifica delle canzoni che fanno bene
ed una di quelle che invece possono creare problemi psicofisici.

Commenta il dottor Knox: “L’impatto di un brano musicale su una persona va oltre quello che si pensa, tanto che un tempo veloce può risollevare l’umore mentre uno lento buttarlo
giù”.

Ad oggi, la classifica dei promossi vede sul podio “Sexual Healing” di Marvin Gaye, “Comfortably Numb” dei Pink Floyd e “Last Night a DJ Saved My Life” degli Indeep. Seguono poi “Cold Turkey”,
di John Lennon; “Healing Hands”, di Elton John; “Wonderful Life”, dei Black; “More Than A Feeling”, dei Boston; “Alright”, dei Supergrass; “What a Wonderful World”, di Louis Armstrong; “I Will
Survive”, di Gloria Gaynor.

La black list è invece aperta da un trio composto da ” Cigarettes and Alcohol”, degli Oasis, “The Drugs Don’t Work”, The Verve e “Cardiac Arrest” dei Madness. Completano la schiera
“Heaven Knows I’m Miserable Now”, dei The Smiths; “Why Does It Always Rain On Me?”, dei Travis; “Insane in the Brain”, dei Cypress Hill; “Manic Monday”, dei The Bangles; “Leave Me Alone”, dei
New Order; “Everybody Hurts”, dei  Rem, ed “Another One Bites the Dust” dei Queen.

Fonte: “New research could lead to doctors prescribing music to treat pain”, Glasgow Caledonian University, 08/09/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento