La Lombardia riduce l'IRAP del 25% a le scuole materne autonome

La Regione Lombardia ha deciso di abbassare di un quarto (cioè dell’1%) l’Irap (Imposta regionale sulle attività produttive) alle scuole materne autonome, la decisione si è
concretizzata questa mattina nel corso della riunione della Commissione Bilancio della Regione, attraverso l’approvazione di un emendamento di Giunta presentato dall’assessore alle Finanze e
Rapporti Istituzionali Romano Colozzi, d’intesa con il presidente Roberto Formigoni e con l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro Gianni Rossoni.

«Si tratta di una decisione – spiega il presidente Formigoni – perfettamente in linea con lo spirito della manovra finanziaria che abbiamo predisposto e che si trova all’esame del
Consiglio regionale. Una manovra che traduce la buona gestione dei conti regionali in un abbattimento della pressione fiscale per i lombardi».

Sono 950 le scuole materne che potranno beneficiare di questa manovra. Per loro, l’Irap passa dal 4,25 al 3,25%, riduzione che rappresenta il massimo dell’agibilità di manovra delle
Regioni per questa imposta.
«La toglieremo tutta – promette l’assessore Romano Colozzi – nel momento in cui lo Stato ci darà la possibilità di manovrare una imposta che è regionale solo a parole
ma sulla quale le Regioni possono fare ben poco. E la Lombardia ha fatto il massimo che poteva. Purtroppo le scuole materne statali e comunali, essendo soggette a regime di «Irap
pubblica», non possono essere beneficiarie di agevolazioni».
«La nostra iniziativa – aggiunge l’assessore Rossoni – si integra nell’ambito del progetto per la parità scolastica educativa e formativa che Regione Lombardia ha posto in essere
come parte qualificante della propria azione di governo».

Leggi Anche
Scrivi un commento