La limonata aiuta a prevenire i calcoli renali

La limonata aiuta a prevenire i calcoli renali

Bere limonata può aiutare a prevenire la formazione di calcoli renali.

Lo afferma una ricerca dell’Università della California (sezione Comprehensive Kidney Stone Center) diretta dal dottor Ruger L Sur.

La squadra di Sur ha scelto di studiare il limone poiché molto ricco di citrato, inibitore naturale della formazione delle pietre nei reni. E, a differenza degli altri agrumi, non
contiene alti livelli di calcio e di ossalto, capaci di favorire la patologia.

Inoltre, bere liquidi è altrettanto capace di ridurre la formazione di calcoli, in quanto riduce l’assunzione di sale, di calcio e proteine.

Sulla base di tali constatazioni, i ricercatori hanno lavorato con alcuni volontari. A tali soggetti è stata fatta bere una dose di limonata (2 litri d’acqua con 113 grammi di succo di
limone); alla fine dell’osservazione, si è notato come la bibita riducesse il tasso di formazione dei calcoli 1,00 a 0,13.

Come ricordano gli esperti, i calcoli ai reni sono problemi pericolosi, di cui spesso si avverte la presenza dopo tempo. Spiega infatti il dottor Sur: “Dolori addominali e alla schiena, sangue
nelle urine e nausea o vomito, sono i tre classici sintomi dei calcoli renali. Non dovete necessariamente avere tutti e tre i sintomi, ma ognuno di loro è difficile da ignorare. Dopo
aver avuto un dolore estremo, si dovrebbe andare dal medico o andare al pronto soccorso subito, specialmente se è presente febbre. La presenza di febbre indica che si può avere
un’infezione nel sangue che può essere pericolosa per la vita”.

Bisogna così puntare sulla prevenzione, specialmente per i soggetti recidivi, che hanno “Una probabilità del 50% di produrre un’altra pietra entro cinque/dieci anni”, conclude il
dottor Sur.

Fonte: “Lemonade can help prevent kidney stones” University of California 22/04/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento