La festa dei 10 anni della Green Farm a Nole Canavese (TO)

La festa dei 10 anni della Green Farm a Nole Canavese (TO)

La prima macelleria a Nole è stata aperta da Lorenzo Fornelli con la moglie Lucia nel 1917. Poi Lorenzo ha lasciato il posto ad Alessandro e a suo figlio Bruno che appena diciannovenne,
si è ritrovato a svolgere l’attività del padre a causa della sua scomparsa. Nonostante le difficoltà è lui stesso a mettere le basi di ciò che oggi è
il Farmer’s Market Green Farm.

L’opera viene portata avanti dal figlio Alessandro insieme al suo collaboratore Luciano Beria. Cambiano le sedi e le tecniche di lavorazione. Oggi il Farmers’ Market oltre alla produzione e
lavorazione della carne ha un’offerta completa di prodotti genuini e di produttori locali selezionati. Dalla gastronomia, ai prodotti da forno, dai latticini ai freschissimi prodotti
ortofrutticoli, tutto a prezzi economici.

Il 12 settembre 2010 la Green Farm ha festeggiato i dieci anni di attività, ha inaugurato l’area ricreativa esterna e il maneggio la Briglia, l’ottenimento dell’Oscar Green Regionale di
Coldiretti e per l’occasione hanno arrostito il bue e l’hanno offerto a tutti.

Lavorando tutti giorni a contatto con la natura hanno capito quanto sia importante preservarla e rispettarla. Il loro impegno li ha portati a un’evoluzione continua di servizi e metodi di
lavoro per renderli sempre più a basso impatto ambientale. Ad esempio la realizzazione di un impianto fotovoltaico fine ad alimentare le loro strutture con l’utilizzo di energie
rinnovabili, la creazione e valorizzazione dell’area verde circostante all’azienda e la creazione di un’area giochi per i bambini, l’impianto frigorifero sfrutta il calore generato dal suo
funzionamento per preriscaldare le acque di lavaggio e sanitaria con notevole recupero di calore e risparmio energetico,l’acqua utilizzata per le lavorazioni e la produzione oltre ad essere
potabile viene depurata tramite osmosi inversa, l’impianto idrico viene sanificato ogni notte per mezzo della circolazione forzata dell’acqua riscaldata a 72°c per garantire la sicurezza
igienica dei prodotti, per l’illuminazione della struttura utilizzano lampade a basso consumo energetico.

Anche la comunicazione pubblicitaria è a basso impatto ambientale, si utilizza internet e un’innovativa campagna di comunicazione diretta via bluetooth all’interno del punto vendita.
All’interno del punto vendita verrà installato un apparecchio in grado di comunicare con i telefoni cellulari con dispositivo bluetooth e di inviargli ogni volta la comunicazione dei
prodotti in offerta la settimana seguente.

(Foto: Pietro Scarafile)

Laura Genovese
Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento