L’ insonnia è femmina

L’ insonnia è femmina

L’ insonnia si tinge sempre di più di rosa. Una ricerca di mercato americana rivela come, tra i due sessi, sono le signore ad avere più difficoltà ad avere rapporti stabili
con Morfeo.

Un’ altro studio, condotto dalla dottoressa Michelle Miller della Warwick Medical School e pubblicato dall’ American Journal of Sleep, sottolinea come un paziente donna sofferente d’ insonnia
ha più probabilità di avere disturbi cardiovascolari rispetto ad un uomo.

Per verificare la loro tesi, i medici inglesi hanno misurato i livelli di indicatori di infiammazione, che indicano la presenza di malattie coronariche perché, spiega la dottoressa
Miller, “Questi indicatori variano sensibilmente nelle donne a seconda della durata del sonno, mentre negli uomini rimangono più’ o meno costanti”.

Nella ricerca, sono stati utilizzati marcatori come interleuchina-6 ‘ed altre proteine ‘C-reattive’, rilasciati in seguito a traumi e possono prevedere future complicazioni cardiache.

Miller sottolinea come “Nelle donne che dormivano appena 5 ore a notte, i livelli di queste sostanze erano considerevolmente più’ alti. Sono necessari ulteriori studi per verificare
l’effettivo rischio di malattie cardiovascolari, ma la nostra scoperta e’ l’ennesima dimostrazione del fatto che, per rimanere in buona salute, 7 o 8 ore di sonno sono necessarie”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento