Interleuchina 15 più acido retinoico: così nasce la celiachia

Interleuchina 15 più acido retinoico: così nasce la celiachia

Un malfunzionamento del sistema immunitario, che genera alti livelli della proteina interleuchina 15. Più la presenza dell’acido retinoico, forma derivata della vitamina A.

La combinazione di tali elementi potrebbe essere la molla che dà il via alla celiachia, malattia autoimmune caratterizzata dall’intolleranza al glutine.

Questa l’ipotesi avanzata da una ricerca dell’Università di Chicago (sezione Digestive Disease Research Core Center) diretta dalla dottoressa Bana Jabri e prossimamente pubblicata su
“Nature”.

Gli esperti di Chicago hanno condotto test su topi, modificati per sviluppare la celiachia. Prima, i roditori hanno mostrato alti livelli di interleuchina 15, che davano il via agli stadi
iniziali del disturbo. Poi, alle cavie è stato somministrato acido retinoico e la malattia è peggiorata.

Così, gli scienziati hanno bloccato l’interleuchina 15: di conseguenza, i sintomi sono diminuiti ed i topi hanno nuovamente tollerato alimenti con glutine.

La dottoressa Jabri ritiene che l’esperimento obblighi a riconsiderare l’acido retinoico. Tale elemento non deve essere più visto come uno scudo dell’intestino contro le infiammazioni,
ma anzi come uno stimolo per le infimmazioni cellulari. Inoltre, la dottoressa ricorda come esistano già medicine che bloccano l’interleuchina 15, usate contro l’artite reumatoide. Alla
luce del test coi roditori, tali sostanze potrebbero essere usate contro la celiachia.

FONTE: “Human and mouse studies sharpen focus on cause of celiac disease”, The University of Chicago Medical Center 9/02/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento